Tags: Business | Europa |

Società di gestione globali: una questione di volume


“Le entità più grandi assumono i migliori gestori, hanno più clienti e generano maggiori entrate. Inoltre, quanto più grande è la loro dimensione, maggiori sono le risorse finanziarie a loro disposizione per determinare quali prodotti avranno successo, controllare le reti di distribuzione e influenzare i mercati. Le società più grandi possono anche consigliare le decisoni politiche dei leader mondiali”. Così riassume Cerulli Associates alcune delle principali conclusioni del numero di settembre del suo report The Cerulli Edge-Global Edition (dal titolo Global asset managers: the bigger, the better) in cui la società di analisi internazionale esamina quanti gestori sono impegnati in fusioni e acquisizioni (M&A), al fine di aumentare o completare la loro gamma di prodotti, accedere a nuovi mercati e rafforzare la loro presenza globale.

Il Regno Unito è la giurisdizione in cui questo processo di consolidamento e crescita è più evidente, e Cerulli lo attribuisce in parte ad un aumento della pressione normativa. "L'anno scorso, cinque delle venti più grandi operazioni di M&A in termini di patrimonio in gestione hanno visto coinvolte società britanniche", ha detto Barbara Wall, direttore di analisi per l'Europa ddi Cerulli Associates. "Come risultato, le società di britanniche sono scambiate a 12-13 volte il loro Eebitda, mentre il resto del mondo lo fa a 9-10 volte”.

Tuttavia, Cerulli avverte che non vi è alcuna garanzia che tali operazioni non abbiano intoppi. "L'acquisizione di Scottish Widows Investment Partnership da parte della sua rivale Aberdeen Asset Management ha portato il patrimonio in gestione a 2,2 miliardi di dollari, trasformandolo nel gruppo di investimento quotato più grande d'Europa", afferma Angelos Gousios, analista senior di Cerulli. "Nonostante ciò, alcuni analisti hanno già etichettato questa operazione come un 'disastro' dopo che il nuovo gruppo  ha registrato un forte calo dei profitti nel primo semestre dell'anno." Martin Gilbert, CEO di Aberdeen, ritiene che l'acquisto di Scottish Widows è stato molto positivo, "ci ha permesso di far crescere il business di forma organica e ci ha resi più fortei nel reddito fisso, nel multi-asset e nell’immobiliare" ha detto in una recente intervista con Fund People Spagna. A suo parere, "la dimensione di una società di gestione non dovrebbe essere importante, ma lo è”.

Per tutti quelli interesasati a sbarcare nel Regno Unito, Cerulli consiglia il trasferimento di una gamma di prodotti già esistente "ad un mercato caratterizzato dall'abbondanza di prodotti di varie classi di attività e strategie”. Sostengono che negli ultimi tre anni, le strategie di asset allocation (per i fondi aggressivi, moderati, flessibili e prudenti) sono state quelle che hanno funzionato meglio, registrando investimenti per oltre 55,9 miliardi di dollari.

Altre notizie correlate


Prossimi eventi