Tags: Business |

Selezione dei fondi: l'errore di concentrasi solo in prodotti del primo quartile


Uno degli avvertimenti più comuni in tutti i documenti sui fondi d'investimento è che le performance passate non sono garanzia di risultati futuri. Tuttavia, tutte le case includono informazioni sul rendimento storico del fondo, in particolare quando il team di gestione è riuscito a collocarlo nei primi quartili di rendimenti a uno, tre e cinque anni. Fino a che punto quest'informazione è rilevante? Gli investitori dovrebbero concentrare le loro decisioni d'investimento nei prodotti del primo quartile?  

Secondo un recente rapporto di S&P Dow Jones Indices, raggiungere il primo quartile non sembra sia una garanzia, almeno tra i fondi azionari americani che seguono una strategia di gestione attiva. "Dei 678 fondi che sono stati collocati nel primo quartile nel settembre 2013, solo il 4,28%, a settembre 2015, menteneva ancora la posizione", dicono gli autori del rapporto. Se il periodo di analisi si estende a cinque anni, "nessuno dei fondi che investono in aziende di grande e media capitalizzazione è riuscito a rimanere nel primo quartile", cosa che ci dice molto sulla consistenza a lungo termine dei rendimenti dei fondi azionari statunitensi.

La relazione sottolinea inoltre come sia più probabile che, nel tempo, i fondi più redditizi lo diventino meno, rispetto al contrario: "Dei 433 prodotti che sono stati collocati nel quartile più basso, il 18,01% è finito nel primo quartile in un orizzonte di cinque anni mentre, dei 434 collocati nel primo quartile, un 26,73% è sceso al quartile più basso nello stesso periodo". Inoltre, i dati dimostrano che inserirsi nel quarto quartile aumenta la probabilità che il fondo finirà per essere liquidato o fuso con un altro prodotto: in cinque anni sono scomparsi il 36.13% dei fondi a grande capitalizzazione, il 29.51% dei mid-cap e il 32,32% dei small cap con rendimenti inferiori.


E nel fixed income?

Mentre la consistenza dei rendimenti tra i fondi azionari è stato ampiamente studiata, non è così nel fixed income. Per questo motivo gli esperti di S&P Dow Jones Indices hanno cominicato a marzo 2015 una ricerca in questo senso. 

"Rispetto ai fondi azionari statunitensi, i fondi obbligazionari con rendimenti nel primo quartile mostrano una maggiore consistenza a tre anni fino a settembre 2015. Il debito sovrano a medio termine è stata l'unica categoria di fondi dove i rendimenti non hanno mostrato alcuna consistenza". Tuttavia, le cose cambiano se l'orizzonte è di cinque anni visto che, in quel periodo, "quasi tutte le categorie di fixed income hanno mostrato una mancanza di consistenza tra i fondi che costituiscono il primo quartile. Le strategie investment grade a breve termine e quelli che investono nel debito comunale in California sono stati gli unici due gruppi in cui si osserva un notevole livello di consistenza nei ritorni". 

Per consultare la metodologia o vedere la lista dei fondi clicca qui

Files allegati

Altre notizie correlate


Anterior 1
Anterior 1

Prossimi eventi