Tags: Business | Consulenza |

SCM SIM punta all’AIM


SCM SIM, società di consulenza indipendente nata nel 2009, punta alla quotazione all’AIM. Commenta l’ad Antonello Sanna: “questo passaggio può fortificare l’azienda e consolidare l’azionariato”. Per dimensione e per i costi connessi, il mercato di riferimento è l’AIM che continua a sviluppare il mercato delle PMI e che è arrivato a tre miliardi di capitalizzazione complessiva. Continua: “la quotazione all’AIM è una sorta di percorso evolutivo per l’azienda che deve sviluppare processi di comunicazione, governance e pianificazione coerenti con un mercato regolamentato, per poi, in futuro, arrivare all’MTA”. Il 2015, per la società, è stato un anno molto rilevante. Sono stati raccolti 157 milioni di euro, sono entrati sei nuovi banker e si avvia a chiudere il 2015 con un fatturato di sei milioni di euro, 950 milioni di masse in gestione e 25 banker, con un portafoglio medio di 38 milioni di euro.

Le commissioni che il cliente deve pagare sono indipendenti dalle scelte di portafoglio e la società non percepisce compensi dagli emittenti ma solo dai clienti. Dichiara: “siamo cresciuti costantemente nei cinque anni di attività, focalizzandovi su clienti con un patrimonio minimo di mezzo milione”. E aggiunge: “È un modello dove coesistono la gestione per i clienti che vogliono delegare le scelte al gestore e la consulenza dove il cliente vuole operare in modo consapevole le proprie scelte. Oggi conta 790 clienti con una media di 1,2 milioni di patrimonio. Oltre ai classici servizi di gestione e consulenza, SCM assiste e indirizza il cliente nelle scelte assicurative connesse al patrimonio, quali retirement, income protection, passaggio generazionale. Per le aziende, sviluppa temi come il Key Man, TFM e TFR che sono derivati della finanza che spesso vengono trascurati dall’imprenditore per inconsapevolezza”. Tra gli advisor del gruppo ci sono Diaman che implementa un modello quantitativo con un obiettivo di rendimento (target return). Ci sono poi accordi con Pramerica Life, Reale Mutua, Uniqa, Zurich in ambito assicurativo. 

 

Società

Altre notizie correlate


Anterior 1

Cresce il family office in Italia

Secondo l’ultima indagine di Magstat, il numero delle strutture che offrono servizi di family office in Italia è salito a 120 unità e hanno asset under advisory pari a 56 miliardi di euro. Secondo UBS, poi, i patrimoni sono cresciuti con una media del 9%

Anterior 1

Prossimi eventi