Tags: Business |

Quant’è importante il market timing?


Quanto costa agli investitori temporeggiare nei propri investimenti? A questa domanda risponde Morningstar, che attraverso la sua analisi “Mind the Gap 2017”, uno studio a livello globale sull’investor return, analizza la permanenza media di un investitore in un fondo e l’impatto che il suo comportamento può avere sui rendimenti finali. La società di analisi identifica nell’investor return il rendimento ponderato in dollari di un fondo, includendo gli effetti delle entrate e uscite di cassa a seguito degli acquisti e delle vendite e gli incrementi di patrimonio del fondo stesso, ovvero il divario tra il ritorno totale del fondo e l’effettivo rendimento percepito dall’investitore, che riflette il modo in cui gli investitori gestiscono i tempi di entrata e uscita da un investimento. Morningstar tiene anche in considerazione quattro fattori, e l’impatto di questi sull’investor return, ovvero costi, rischio, standard deviation e mandato di gestione. Questo gap diminuisce quando le commissioni salgono, in molti casi più della differenza di costo.

L’universo preso in considerazione per la stilazione del report è quello dei fondi comuni aperti di Australia, Canada, Corea del Sud, Hong Kong, Lussemburgo, Regno Unito, Singapore, Stati Uniti e Taiwan, calcolando la media dei rendimenti totali dei fondi e la media dell’investor return. Negli ultimi cinque anni, dal 2011 al 31 dicembre 2016, il gap tra rendimenti totali e investor return è negativo del -0,6% in Europa, dove a fare peggio è stato Singapore col -1,40% per anno. Al contrario, gli investitori australiani in fondi pensionistici (superannuation) hanno beneficiato di un gap dello 0,53% annuo, il miglior dato ottenuto nello studio.

-

Negli Stati Uniti, il gap complessivo a 10 anni è diminuito da 55, alla fine del 2015, a 37 basis point alla fine del 2016, indicatore del fatto che gli investitori statunitensi abbiano diminuito i loro investimenti in fondi in termini di market-timing. A livello di asset class invece, i fondi con miglior gap sono stati i superannuation in Australia, con lo 0,53%, gli obbligazionari in Sud Africa (0,47%) e i bilanciati statunitensi (0,05%); questo perché gli strumenti di investimento offerti in questi Paesi dispongono di un contributo automatico o opzioni di pagamento che tengono traccia degli investitori e prevengono i loro peggiori movimenti sul mercato. Contrariamente agli USA, nel Regno Unito gli investitori in fondi azionari diversificati hanno in media ottenuto migliori risultati rispetto a quelli che hanno preferito gli strumenti bilanciati, con un gap rispettivamente pari a -0,27% e -0,55%.

I costanti investimenti nei piani di risparmio e l’automatico ribilanciamento sono stati fondamentali per generare investor return positivi in Australia, Corea del Sud e Stati Uniti”, ha detto Russel Kinnel, presidente del Morningstar North America ratings committee ed editor di Morningstar FundInvestor. “Mentre i piani di risparmio offrono la possibilità di un investimento automatico, gli investitori stanno avendo anche maggiore accesso ai fondi low cost. La nostra ricerca dimostra che i fondi a basso costo hanno realizzato investor return migliori a tutto campo, un trend che sta sorgendo anche in Lussemburgo e negli Usa”, sostiene Kinnel.

Professionisti
Società

Altre notizie correlate


Indici Morningstar, la serie sostenibile

Morningstar ha lanciato una serie di Sustainability Index, combinando l’approccio sostenibile agli investimenti con la creazione di panieri di riferimento rappresentativi del mercato azionario. La nuova famiglia è composta da 25 benchmark sulle diverse macro-regioni geografiche, le aree sviluppate ed emergenti e i singoli Paesi.

Prossimi eventi