Tags: Alternativi |

Private debt: al via la raccolta di Zephir Capital Partners


Al via Zephir Capital Partners SGR – iniziativa indipendente promossa da un team di professionisti che vanta esperienze complementari finanziarie e industriali – la prima società di gestione del risparmio autorizzata a operare come SGR sottosoglia da Bankitalia. Gestori sottosoglia, secondo la direttiva europea Alternative Investments Fund Managers Directive (AIFMD), introdotta in Italia lo scorso aprile – sono le SGR che gestiscono Fondi di Investimento Alternativi che non superano la soglia dei 500 milioni di euro e che non ricorrono alla leva finanziaria.
 
Zephir punta a raccogliere da investitori professionali italiani ed esteri un fondo di 300 milioni di euro da investire, senza l’uso della leva finanziaria, in circa 20 operazioni di finanziamento investendo in un ampio spettro di strumenti di finanziamento all’impresa. I valori che caratterizzano Zephir Capital Partners SGR sono: la totale indipendenza, il focus sul private debt, il co-investimento nel fondo da parte del management, la capacità di lettura del credito e di dialogo con l’impresa, grazie all’esperienza del management team e dei membri dell’Advisory Board.
 
Il team di gestione, che vanta esperienze complementari finanziarie e industriali, è composto dal presidente Massimo S. Brunelli, già AD di Idea Fimit, CFO di Enel e CFO di Telecom Italia, e da tre managing partner: Francesco Di Giovanni, che apporta esperienze maturate prima in Montedison e Shell, poi come DG di Acegas APS, AD e presidente di Aeroporti di Roma, AD di Cementir Italia, presidente Waste Italia nonché una lunga esperienza maturata all’estero in ambienti multinazionali; Federico Pastura,  che vanta competenze maturate in Electra Partners Europe, Merrill Lynch Leveraged Finance e Valuation Research Corporation di Chicag,  e Romolo W. Rossi, già head of Syndicated Loans e coordinatore Lending DACH, Mediobanca e con precedenti esperienze all’estero in Credit Suisse e Deutsche Bank.
 
“Siamo orgogliosi di dare avvio all’operatività del fondo – dichiara Massimo S. Brunelli, presidente di Zephir Capital Partners SGR – che si pone sul mercato come unico player totalmente indipendente dedicato al private debt. Siamo convinti che questo comparto rappresenti una asset class dalle potenzialità estremamente interessanti, considerato che in Europa nel 2014 investitori istituzionali hanno allocato nel private debt oltre 18 miliardi di euro, mentre in Italia, se si escludono i veicoli captive di matrice bancaria, si toccano i 250 milioni di euro.” Gli investimenti saranno effettuati in strumenti di debito di natura senior unsecured o secured per una quota pari all’80% del fondo, mentre il restante 20% sarà investito in altri strumenti finanziari tra cui equity, prestiti convertibili, debito subordinato o altre forme contrattuali eventualmente contenenti un 'equity kicker'. Eventuali partecipazioni azionarie saranno di minoranza. Sono esclusi investimenti in distressed asset.
 
Gli advisor, coinvolti nei processi di investimento del Fondo, vantano importanti e solide esperienze in diversi settori industriali, utili ai fini di un’approfondita due diligence dei business plan presentati dalle aziende emittenti; compongono l’Advisory Board: Marco Jesi, Massimo Guarini, Giuseppe Rossi, Antonio Spagnolo, Hans Udo Wenzel e il Prof. Carlo Lefebvre. Zephir Capital Partners SGR è stata assistita per gli aspetti legali e fiscali dallo Studio Gianni Origoni Grippo Cappelli & Partners e per gli aspetti regolatori da Regulatory Consulting. Unione Fiduciaria curerà l’assistenza amministrativa mentre la banca depositaria è l’Istituto Centrale delle Banche Popolari (ICBP).
 

Altre notizie correlate


I più letti

Prossimi eventi