Primo trimestre 2016: la rivincita dei fondi monetari


Meglio restare liquidi. Tra i professionisti del settore in molti considerano la liquidità, soprattutto in un momento di volatilità sul mercato, un bene prezioso. Anche gli investitori italiani, in questo primo trimestre, hanno fatto lo stesso ragionamento: l'esigenza principale più che investire è stata quella di fermarsi allo stop (momentaneo) sui fondi monetari, prima di capire cosa accadrà sulle piazze internazionali. Il quadro che arriva dalla mappa di Assogestioni racconta infatti di una crescita oltremodo significativa per i fondi monetari (+7.7 miliardi contro i -213 milioni del precedente trimestre). E un'industria del risparmio che da gennaio a marzo 2016 ha fatto ancora una volta numeri da record con una raccolta netta positiva di 27,5 miliardi. Il patrimonio gestito dall’industria aggiorna i propri massimi oltre quota 1.857 miliardi di euro. Le masse investite nelle gestioni collettive superano gli 897 miliardi di euro (48% degli AUM). E i fondi aperti richiamano sottoscrizioni per 13,4 miliardi, conquistandosi la palma d'oro insieme ai prodotti assicurativi.

Oltre al boom dei monetari, segnano un salto in avanti acnhe i fondi obbligazionari: se nell'ultimo trimestre 2015 la categoria avevo sofferto deflussi per oltre 2 miliardi di euro, nei primi tre mesi del 2016 i bond tornano in positivo, con circa 360 milioni di raccolta. Segno che c'è un'inversione di tendenza. Positivi anche i fondi flessibili (+3,2 miliardi), che però subiscono un dimezzamento nelle sottoscrizioni rispetto al trimestre precedente quando raggiungevano i 6,8 miliardi.Tengono anche azionari (+1,2 miliardi) e bilanciati (+ 957milioni).

Le gestioni di portafoglio registrano oltre 14 miliardi di euro di flussi in entrata sfiorando i 960 miliardi di patrimonio, pari al 52% delle masse complessive gestite dall'industria. Tra le GP, i mandati assicurativi prevalgono con più di 665 miliardi di euro di asset in gestione, mentre le GPM e GPF retail totalizzano insieme 125 miliardi. I mandati di natura previdenziale contano asset per oltre 80 miliardi di euro.

db813d1edeb0dcda

Fonte: Assogestioni

Altre notizie correlate


Prossimi eventi