Tags: Gestori |

Marco Nascimbene (Ersel AM): “Ricorrenti incontri diretti con le società”


Marco Nascimbene (gestore Team Italia, Ersel AM)

Noi costruiamo il nostro portafoglio con un approccio bottom-up investendo sulle società che riteniamo abbiamo il miglior rapporto rischio rendimento, monitorando costantemente la composizione settoriale e la rischiosità complessiva del portafoglio stesso.

In particolare il processo di investimento si basa sull’analisi approfondita delle singole società. Tale analisi si concretizza in ricorrenti incontri diretti con le società stesse e un contatto costante con gli analisti migliori che le seguono. Si ottiene così un visione complessiva delle principali variabili che caratterizzano il settore di riferimento, della sostenibilità dei vantaggi competitivi e degli eventuali rischi e punti di debolezza. Nel tempo abbiamo così sviluppato una conoscenza sempre più approfondita delle società quotate italiane che ci permette di individuare tempestivamente i titoli con un maggior potenziale di rivalutazione sia per i cambiamento relativi all’andamento settoriale, sia grazie a processi di ristrutturazione o di cambiamento del management e delle relative strategie aziendali.

Negli ultimi mesi i mercati finanziari sono stati percorsi da un’ondata di nervosismo che ha coinvolto sia il mercato del credito sia quello azionario, con una ripresa della volatilità. Durerà a lungo? Quali considera saranno i fattori di rischio per i mercati?

Riteniamo che il prossimo mese possa essere ancora dominato dal nervosismo per l’Asset Quality Review, i cui risultati sono attesi proprio per fine mese.

I maggiori fattori di rischio derivano dalle tensioni geopolitiche in Ucraina ed in Medio Oriente, dalla crescita economica europea  ed italiana inferiore alle attese, dal conseguente timore di deflazione e dal ritardo del nostro Governo nel portare avanti le attese riforme strutturali.

Quali le prospettive per la fine del 2014 e per l’anno prossimo?

In questo difficile contesto noi riteniamo che i risultati dell’Asset Quality Review possano essere un importante catalyst. Infatti in caso di risultati positivi, con soltanto alcuni casi specifici di banche bocciate, riteniamo che si possa avere una ripresa dell’andamento positivo del nostro mercato azionario. Inoltre riteniamo che ci si possa aspettare anche qualche passo avanti sul versante delle riforme dove è attesa l’approvazione del Jobs act. 

Complessivamente riteniamo che il nostro listino offra valutazioni attraenti anche ipotizzando una ripresa economica molto graduale.

Professionisti
Società

Altre notizie correlate


Prossimi eventi