Tags: Business |

Lemanik AM SA, l’Italia continua essere un mercato da sovrappesare


Parla Stefano Andreani, gestore azionario Italia del fondo cinque Stelle Morningstar Lemanik High Growth. Il gruppo è una società di gestione di diritto lussemburghese, costituita nel 1993, che fa parte del gruppo Lemanik e gestisce due sicav multi comparto: Lemanik Sicav e Arcipelagos Sicav, distribuite in Italia 

Il mercato dell’M&A è ancora ricco di opportunità in Italia.
Sì, sia in settori industriali che finanziari grazie a un crescente interesse industriale da parte di operatori anche esteri dato che il paese è tornato ad avere maggiore credibilità agli occhi degli stranieri e non c’è più la percezione che quello italiano sia un mercato incerto e pericoloso, come invece è stato tempo fa.

Gli elementi a supporto della crescita non mancano. Cosa ne pensa?
Infatti è così. Il tonfo delle materie prime e il deciso sostegno della politica monetaria della BCE rappresentano elementi di supporto alla crescita, mentre le riforme portate avanti dal governo stanno influenzando positivamente l’economia e la fiducia degli investitori, creando opportunità di razionalizzazione in alcuni settori come le banche e le utilities municipalizzate e di investimento, come nel settore delle telecomunicazioni.

E la Borsa?
Tutto ciò è avvenuto nonostante i mercati azionari globali abbiano vissuto il peggior trimestre degli ultimi quattro anni. Il mercato azionario italiano ha infatti sovraperformato gli altri indici azionari, grazie a dati macro positivi e alla crescente fiducia di imprese e consumatori. E le valutazioni continuano a essere attraenti.

Come vede i prossimi mesi?
Le tensioni sulla crescita di molte economie emergenti rappresentano il principale elemento di rischio, oltre alle decisioni in merito all’inizio della fase di normalizzazione dei tassi da parte della Fed, con conseguenti effetti sul dollaro statunitense. Il trend di apprezzamento rispetto all’euro si è interrotto nell’ultimo trimestre, raffreddando uno dei fattori di supporto ad un ulteriore accelerazione dell’economia domestica: tuttavia i dati finora pubblicati e la fiducia di consumatori ed imprese non mostrano particolari elementi di rallentamento, ma sembrano confermare un trend di crescita, grazie anche ad un miglioramento della domanda interna. 

Professionisti
Società

Altre notizie correlate


I più letti

Prossimi eventi