Tags: Business | Alternativi |

Le 10 questioni che segneranno il mercato dei depositari di fondi di investimento alternativo


Se, nel campo degli investimenti alternativi, lo scorso anno è stato caratterizzato dal recepimento della direttiva europea sui gestori FIA (AIFMD) nelle diverse legislazioni nazionali e il rispetto dei requisiti da parte delle società di gestione che offrono questo tipo di prodotto, quest'anno l'accento potrebbe ricadere sul ruolo del depositario. Il depositario AIFMD britannico Indos Financial analizza le 10 questioni che segneranno questo mercato nel 2015.

1. Cambio di depositario. "Molte società di gestione riconoscono che, quando hanno dovuto affrontare la sfida di soddisfare i requisiti della direttiva AIFMD nel 2014, hanno nominato come depositario una filiale del loro amministratore di fondi perché era la cosa più facile", spiega il CEO di Indos Financial, Bill Prew . "Verso la fine dello scorso anno, alcune società hanno cominciato a riconsiderare questa decisione e credo che molti cambieranno di depositario, soprattutto a partire dal secondo trimestre del 2015, con l'obiettivo di ottenere un servizio di qualità superiore e che gli fornisca maggior  valore."

2. Una maggiore consapevolezza del ruolo del depositario. "Il depositario è un servizio completamente nuovo per i fondi al di fuori dell'Unione Europea, quindi ci aspettiamo che si intensifichino i processi di due diligence " continua Prew. "Gli investitori vogliono capire meglio il ruolo del depositario e le ragioni per la scelta di un particolare provider, quindi non ci sarebbe da sorprendersi se i depositari cominciassero a sottoporsi a audit esterni per guadagnarsi la fiducia delle società di gestione e degli investitori".

3. Enfasi sui conflitti di interesse. Prew ha detto che "pochissimi depositari accettano che il gestore del fondo sia un'entità indipendente, il che rappresenta un conflitto di interessi, in particolare per quanto riguarda la suppervisione del calcolo del NAV del fondo". L'esperto ritiene che queste società saranno anche esaminati dalle autorità di regolamentazione che sono sempre più consapevoli dei potenziali conflitti di interesse, come dimostra la recente consultazione di ESMA in situazioni in cui la società di gestione UCITS e il depositario appartengono allo stesso gruppo . "I depositari dovranno dimostrare come gestiscono questi conflitti di interesse al fine di garantire che danno priorità agli interessi del fondo e degli investitori rispetto ai propri interessi o a quelli delle filiali all'interno dello stesso gruppo".

4. Maggiore pressione regolamentare. La direttiva UCITS V adottata lo scorso anno presta particolare enfasi alla responsabilità dei depositari. . Prew spera che questo controllo si estenda anche al campo della gestione alternativa: "i legislatori europei ritengono che il depositario sia un elemento chiave per il monitoraggio delle attività del fondo e per la tutela degli investitori, e per questo faranno tutto il possibile per garantire che depositari operino  sotto regole rigide e uniformi".

5. Abbandono progressivo della commercializzazione passiva (reverse solicitation). Secondo l'opinione del CEO di Indos Finacial, due tendenze guideranno l'abbandono della commercializzazione passiva da parte delle società di gestione di fondi alternativi non domiciliati nell'UE: il maggiore controllo regolamentare delle pratiche di marketing, da un lato, e la semplificazione dei requisiti di informazioni del fondo principale (master), dall'altro: "Alcune società statunitensi  e alcune non europee che inizialmente hanno scelto di ignorare il mercato europeo e che dipendono dalla commercializzazione passiva, rivedranno questa posizione e molti finiranno per registrarsi per poter commercializzare i loro prodotti in Europa".

6. Separazione degli asset. "L'articolo 90 dell' AIFMD obbliga depositari e sub-depositari a separare gli asset, e ESMA sta rivedendo se  gli intermediari principali (prime broker) che in maggioranza riuniscono la maggior parte delle attività dei clienti in conti omnibus, dovranno inoltre separare le attività FIA da quelle non FIA, il che potrebbe avere un impatto significativo su questo settore", ha detto Prew.

7. Passporto AIFMD per le SGR e per i fondi non domiciliati nell'UE. In questo momento, solo le società e i fondi domiciliati in Europa possono fare domanda per il passaporto per commercializzare i loro fondi FIA nel mercato unico, ma è possibile che le SGR  e i fondi al di fuori dell'UE possano richiederlo a partire dal 22 Luglio 2015 . "Se il parere dell'ESMA è favorevole e, infine, la portata del passaporto viene estesa, le società che desiderano ottenerlo e smettere di commercializzare i loro fondi attraverso collocamenti privati in ogni paese europeo dovrà soddisfare determinati requisiti di depositaria più rigidi (full depositary) rispetto a quelli che si applicano ai collocamenti privati (depositario-lite)". In ogni caso, Prew non crede che ci sarà nessun cambiamento significativo, almeno fino all'inizio del 2016, in modo che l'attuale modello applicabile ai fondi offshore rimarrà in vigore anche nel 2015.

8. Scarico di responsabilità. UCITS V vieta espressamente che i depositari possano scaricare a terzi la loro responsabilità per la perdita di strumenti finanziari. Tuttavia, tale divieto non ha ancora raggiunto il settore della gestione alternativa, pertanto per Prew è probabile che i depositari FIA continuino a trasferire questa responsabilità sugli intermediari principali.

9. Trasformazione dei depositari europei a medio termine. Secondo il parere dell'esperto, la possibilità che il passaporto AIFMD finisca per aprirsi a società di gestione  e a fondi off-shore porterà molte entità che fino ad ora hanno funzionato solo come depositario-lite a riconvertirsi  per soddisfare le esigenze di depositaria dell' AIFMD. "Questa crescente importanza del depositario potrebbe portare a decisioni strategiche innovative per alcune  società".

10. Stabilizzazione delle tariffe. "I depositari hanno preso coscienza di tutto ciò che implica soddisfare i requisiti della AIFMD e molti preferiscono rinunciare ad alcune operazioni prima di subire le perdite o di accettare un premio di rischio che non è realistico. D'altra parte, SGR e investitori apprezzeranno il valore che fornisce questo servizio. La combinazione di questi fattori influenzerà la stabilizzazione delle tariffe", conclude Prew.

Altre notizie correlate


Anterior 1 3
Anterior 1 3

Prossimi eventi