La forza del dollaro non fa bene all'economia mondiale


Difficilmente i mercati riusciranno a recuperare i massimi, dato che i problemi cinesi non troveranno una facile soluzione nel breve periodo e l'instabilità proveniente dalla Cina e dalle economie emergenti avrà significative ripercussioni sul ciclo economico mondiale nei mesi a venire. A questo punto è molto probabile che lo scenario di fondo si complicherà ulteriormente e le Banche Centrali avranno sempre maggiori difficoltà a controllare la situazione.

Il peg Cinese con il Dollaro non poteva reggere a lungo e la svalutazione era attesa da tempo. Infatti, in un contesto di contrazione costante per la crescita economica Cinese e con persistenti pressioni deflazionistiche, il Renminbi (Yuan) ha continuato a rivalutarsi nei confronti di tutte le altre divise a causa del peg con il Dollaro, mettendo la Cina in seria difficoltà proprio mentre tutti gli altri paesi emergenti e non svalutavano decisamente verso la divisa Americana. La svalutazione era dunque nell'aria da tempo e probabilmente non finirà qui. Ora però la situazione valutaria mondiale si sta facendo alquanto complicata perché l'Europa ed il Giappone vorrebbero Euro e Yen deboli e Dollaro forte mentre Asia, Cina e Latam avrebbero bisogno di un Dollaro debole.
 
La forza del dollaro non fa bene all'economia mondiale perché produce un calo dei prezzi delle commodities, esercita un effetto restrittivo nei confronti di tutti coloro che si sono indebitati in dollari (Asia e Latam) e accentua le svalutazioni competitive dei paesi emergenti che, svalutando, esportano deflazione nel mondo pregiudicando le politiche reflazionistiche. Se quindi il dollaro continua a salire la Cina non può reggere il peg e rivalutare in un contesto economico di rallentamento mondiale mentre Giappone, Europa e tutta l'Asia sta svalutando, dunque un dollaro forte apre la strada ad ulteriori svalutazioni del renminbi e nuova instabilità sui mercati finanziari.
 
I cinesi vogliono svalutare a tutti i costi perché hanno rivalutato troppo mentre tutto il mondo cerca di fare svalutazioni competitive e per fare questo hanno solo due possibilità: 1) rompono temporaneamente il peg con il Dollaro e provocano una ulteriore fase di instabilità sui mercati finanziari mondiali, 2) non rompono il peg ma a questo punto il Dollaro deve iniziare a scendere contro tutte le divise trascinando con se la valuta Cinese. il Dollaro ha finito la sua fase di rialzo e si sta preparando ad una inversione di tendenza che dovrebbe riportarlo a 1,20/1,25 vs Euro e 110/105 circa vs JPY. BOJ ha già fatto capire che non intende procedere ad ulteriori svalutazioni dello YEN mentre i Cinesi hanno fatto capire agli Stati Uniti che non reggono il peg se il dollaro continua a rivalutarsi.
 
In particolare, le asset class dell'area Euro e quelle del Giappone hanno beneficiato della svalutazione competitiva e quindi, se il Dollaro inizia a scendere, eserciterà pressioni negative proprio sulle borse di Giappone ed Europa. Poiché la forza del Dollaro giova solo a Europa e Giappone, e poiché Euro e JPY hanno già ricevuto la loro dose di svalutazione competitiva, è molto probabile che a questo punto anche i Cinesi vorranno attingere a questa "medicina valutaria" come tutti hanno fatto negli ultimi 18 mesi. Quindi, per evitare ulteriori cadute dei mercati finanziari, gli Stati Uniti devono consentire alla Cina di tenere il peg con una divisa (il Dollaro) che si deve ridimensionare nella sua recente rivalutazione oppure accettare la svalutazione Cinese che non farebbe che accentuare le pressioni deflazionistiche mondiali.

Società

Altre notizie correlate


Prossimi eventi