L’era dei marketplaces


I marketplace hanno ricevuto un’enorme attenzione e molti investimenti negli ultimi anni.  Giganti come Amazon, Ebay e Alibaba sono diventati un incubo per I rivenditori offline.  Nello stesso tempo è nato un nuovo tipo di marketplace, peer to peer, che sta raccogliendo la scommessa di molti investitori.  Ma diamo uno sguardo al mercato per comprendere le opportunità per gli investitori in questo settore.
Un marketplace è un tipo di sito e-commerce in cui le informazioni di prodotto e l’inventario è fornito da più soggetti terzi e dove le transazioni vengono elaborate dall’operatore del marketplace.  I marketplace offrono un canale unico per i rivenditori di capitalizzare le opportunità in crescita di e-commerce, con volumi significativi di utenti attivi e di infrastrutture con cui i consumatori hanno familiarità e sono confidenti ad effettuare gli acquisti.  I marketplace offrono ai rivenditori l’accesso a nuove fonti di domanda.  Che si rivolgano a una nicchia o a una geografia specifica, I marketplace emergenti rappresentano un ‘opportunità intelligente di crescita.
Il successo di Amazon e Ebay dal 1999 al 2006 ha inaugurato la nascita di 20 nuovi marketplaces per consumatori che rappresentano più di 15 miliardi di $ di capitalizzazione di mercato, secondo Kleiner Perkins.  Alcuni dei business dei marketplace di oggi sono aziende multi miliardarie che hanno ribaltato il business degli storici operatori di mercato nei loro rispettivi settori.

Se guardiamo i marketplace nel loro complesso i rivenditori si stanno avventurando in loro per una miriade di motivi, come ad esempio guadagnare commissioni sulle loro vendite. I rivenditori online prendono una commissione per ogni prodotto venduto sui loro marketplace; Amazon, per esempio, prende dal 6% al 25% a seconda della categoria di prodotto. Non c’e’ nessun rischio di inventario e il ROI è molto alto. La vendita di più prodotti online aiuta i retailer tradizionali ad affrontare le sfide di avere spazi limitato all'interno di magazzini e fonti relativamente limitate di approvvigionamento.

La famosa società di venture capital Greylock un anno fa ha dedicato  $ 100M di investimenti solo ai marketplace. Simon Rothman, partner di questo fondo, in passato ha fondato eBay Motors portandolo a  $ 14 miliardi di fatturato all’anno. Egli pensa che i marketplace come le aste di eBay, il servizio alloggi di Airbnb, e il servizio personale di prestito di LendingClub hanno il potenziale per creare più aziende miliardarie nei prossimi cinque anni rispetto agli ultimi 20. Due grandi IPO hanno avuto luogo quest'anno nel campo dei marketplaces: Il rivenditore online cinese Alibaba ha raccolto 25 miliardi dollari ed è diventato il più grande IPO nella storia. Un altro player e-commerce Jingdong ha raccolto 1,78 miliardi di dollari nel suo IPO.
Flipkart, la più grande società di e-commerce in India, ha annunciato di aver raccolto un round da un miliardo. Il round è stato condotto da Tiger Global Management e Naspers, con la partecipazione di GIC e gli investitori esistenti Accel Partners, DST Global ICONIQ Capital, Morgan Stanley Investment Management, e Sofina.

Nel più grande investimento mai fatto da parte di un investitore in una società e-commerce indiana, il gruppo giapponese di internet e telecomunicazioni SoftBank gruppo ha investito in $ 627 milioni in Snapdeal.  Airbnb, il sito in rapida crescita, che consente alle persone di diventare albergatori da affittare divani, camere o intere case private, ora ha chiuso il suo ultimo round di finanziamenti: $ 500 milioni, guidato dalla società di private equity TPG, a una valuation di $ 10 miliardi. Questo porta il totale raccolto da Airbnb a 826 milioni di dollari.
In conclusione possiamo dire che oggi i marketplace presentano delle opportunità uniche per gli investitori e noi siamo pronti a coglierle per poter ottenere il massimo da esse. Nel nostro track record di investimenti, tra le storie di successo più importanti c’e’ Beepi, un marketplace per la vendita di auto usate con l’obbiettivo di fornire una user esperience straordinaria in categorie che sono molto complesse e che fino ad oggi non la garantivano. Un esempio di questa categoria è Uber che ha semplificato notevolmente l’esperienza nel prendere un taxi.

Altre notizie correlate


I più letti

Prossimi eventi