BMO, le tematiche ESG sono complementari agli obiettivi di investimento di lungo termine


 

Le tematiche ESG sono complementari agli obiettivi di investimento di lungo termine. Ecco come è costruito il fondo F&C Responsible Global Equity, che ha rating Consistente di FundsPeople. Parla Vicki Bakhshi, head of Governance e Sustainable Investment di BMO Global Asset Management.

Qual è l’approccio ESG del fondo F&C Responsible Global Equity I EUR Inc? Che stile gestionale ha e quali gli obiettivi di performance?
Gli investimenti della nostra strategia Responsible Global Equity sono incentrati su società che gestiscono proattivamente ed efficacemente sia i loro rischi sia le loro opportunità sotto il profilo ambientale, sociale e di governance (ESG). La strategia di investimento F&C Responsible Global Equity in particolare ha una polarizzazione verso le società a media capitalizzazione con potenziale di crescita (growth) e solidi fondamentali (quality), essendo queste le tipologie nelle quali vediamo le migliori opportunità globali per gli investimenti sostenibili. Cerchiamo di sovraperformare l’indice MSCI World del 2% annuo.

Le statistiche ci dicono che i Millennials sono più sensibili alle tematiche ambientali e più in generale di sostenibilità negli investimenti. Quali sono le dinamiche dell’industria SRI? 
Il mondo sta affrontando diverse sfide cruciali dinanzi al maggior impatto sulle risorse idriche, alimentari ed energetiche esercitato in particolare dalla crescita economica e demografica delle economie emergenti. D’altra parte l’invecchiamento delle popolazione presenta nuove sfide sul fronte della salute così come il riscaldamento globale sul clima. Per questo adottiamo un approccio tematico a questi mega trend investendo in società che affrontano questi problemi in maniera sistematica.

Perché i consulenti finanziari possono trarre beneficio dalla crescita degli investimenti sostenibili? 
Una valutazione bilanciata, dettagliata e integrata sotto il profilo ESG sia delle opportunità che dei rischi fronteggiati da ciascuna società presente nell’universo investibile è la base di come cerchiamo di costruire solide fondamenta per i nostri portafogli di investimento. Riteniamo infatti che un’attenzione particolare alle tematiche ESG sia del tutto complementare agli obiettivi di investimento di lungo termine dei nostri clienti. Spesso, perché le società raggiungano miglioramenti significativi del proprio profilo ESG, sono necessari un certo numero di anni e, per questo, un’approfondita conoscenza sia dei rischi sia delle opportunità che le singole società si trovano ad affrontare può darci una maggiore sicurezza nell’implementare queste posizioni di lungo termine in portafoglio.

In base alle vostre analisi dell’industria, come si comportano i fondi SRI rispetto a quelli che non hanno un mandato di questo tipo a parità di rischio?
La nostra esperienza ci dice che una maggiore attenzione ai temi ESG può aumentare le aspettative di conseguire migliori rendimenti nel lungo periodo, sfatando la percezione comune che i fondi che incorporano caratteristiche ESG devono necessariamente subire una penalizzazione dal punto di vista della performance dovuta al più ristretto universo di investimento a disposizione.

Per quanto riguarda il fondo BMO Responsible Global Emerging Markets Equity (SICAV), qual è la vostra visione sui mercati emergenti?  
Investiamo principalmente nelle aree che presentano una crescita di PIL pro-capite elevata. Paesi come le Filippine, il Vietnam, l’India, l’Indonesia sono interessanti perché in questi paesi proprio grazie alla crescita del PIL assisteremo a un aumento dei consumi, all’utilizzo di maggior tecnologia e altro. Inoltre, essendo interessati da numerosi cambiamenti demografici saranno protagonisti di una crescita della domanda.

Voi siete una società globale di gestione degli investimenti presente tra Londra, Toronto, Chicago e Hong Kong. Partecipate a qualche forma di adesione a principi internazionali sulla resposanilità sociale?
Sì. BMO Global Asset Management ha sottoscritto i Principi di Investimento Responsabile promossi dalle Nazioni Unite (UN PRI).

 

Società

Altre notizie correlate


Cinque supertrend per investire a lungo termine

In periodi come questo, in cui gli investitori si chiedono come gestire al meglio le alte valutazioni di molte asset class, quasi automaticamente l’attenzione si sta rivolgendo verso investimenti tematici che possono trarre beneficio dalle tendenze a lungo termine. Ecco la proposta di Credit Suisse.

Prossimi eventi