In Europa continua la corsa dei fondi a lungo termine


L’industria europea del risparmio gestito continua a portare a casa buoni risultati. A dirlo è l’ultimo Morningstar Asset Flow Report dal quale emerge che a marzo i fondi a lungo termine hanno sperimentato nuovi afflussi consistenti per un totale di 38,5 miliardi di euro. Un traguardo che, seppur inferiore a quello del mese precedente, stabilisce il secondo tetto più elevato raggiunto in un solo mese da maggio 2015. A trainare la raccolta sono stati i fondi obbligazionari con 25,6 miliardi, seguiti dai bilanciati che guadagnano 10,9 miliardi. Vanno aggiunti poi i 26,6 miliardi dei prodotti monetari.

Viceversa, i prodotti azionari chiudono il mese di marzo in negativo, registrando deflussi per 4 milioni di euro, indebolimento imputabile soprattutto alle strategie attive (-3,3 mld) che dopo un annus horribilis sembravano essersi riprese nei primi due mesi del 2017. Non sono bastati i flussi netti positivi dei prodotti indicizzati a ribaltare il dato complessivo (gli ETF hanno portato nelle casse degli approcci passivi 6,2 miliardi). Ma gli analisti di Morningstar commentano: “Più che di un’uscita dall’equity, stiamo assistendo a uno spostamento delle masse verso strumenti a basso costo”.Tabella_1

Nel reddito fisso, sono stati i global flexible bond – USD hedged a registrare i flussi netti più elevati (+4,6 miliardi di cui ben 3,9 miliardi confluiti nel Pimco GIS Income) seguiti dagli other bond (+4,6 mld), categoria che raggruppa strumenti molto variegati e utilizzati da investitori istituzionali e wealth manager. A registrare i deflussi maggiori, complice la volatilità del mercato, sono stati invece gli obbligazionari in euro (-2,2 mld) con il Pioneer Euro Aggregate Bond a soffrire particolarmente dopo l’uscita del suo gestore storico, Tanguy Le Saout, e le obbligazioni ad alto rendimento USA, che perdono 1,9 miliardi.   

Per quanto riguarda l’azionario, sono i large cap blend a raccogliere di più a marzo (+2,9 miliardi), ma nella top ten c’è posto anche per i mercati emergenti che guadagnano 2,2 miliardi. Proseguono, invece, i deflussi dai prodotti specializzati sulle Borse europee, nonostante il buon andamento in termini di rendimenti. I più colpiti sono stati quelli con le performance peggiori, che hanno in comune un sovrappeso dei settori difensivi e un sottopeso dei ciclici.

Tabella_2

Up and down degli asset manager

Ad aprire il podio delle case d’investimento che hanno raccolto di più in Europa nel mese di marzo troviamo Pimco (+4,9 mld), che negli ultimi 12 mesi ha registrato una raccolta netta nel Vecchio Continente pari a 19 miliardi, seguita da BlackRock (+3,1 mld) e Amundi (+2,6 mld). A perdere sono, invece, Pioneer Investments (-1,5 mld), AXA (-1,1 mld) e Fidelity (-819 mln).

Tabella_3

Professionisti
Società

Altre notizie correlate


Anterior 1

Cinque supertrend per investire a lungo termine

In periodi come questo, in cui gli investitori si chiedono come gestire al meglio le alte valutazioni di molte asset class, quasi automaticamente l’attenzione si sta rivolgendo verso investimenti tematici che possono trarre beneficio dalle tendenze a lungo termine. Ecco la proposta di Credit Suisse.

Anterior 1

Prossimi eventi