In cosa investe la regina d'Inghilterra?


È chiaro che i super ricchi non investono come il resto di noi mortali. Ed è che, se il nostro patrimonio comprende castelli, corone, diamanti famosi come il Koh-i-Noor o il Cullinan (che è stato il diamante tagliato più grande al mondo fino al 1985) e collezioni d'arte di valore inestimabile, l'allocation in asset diventa complicato. In concomitanza con il 63º anniversario del regno di Elisabetta II - è la monarca che vanta più anni al trono britannico, battendo la sua trisavola, la sovrana Vittoria - il Financial Times ha preso in esame il patrimonio di Sua Maestà, interessato a sapere in cosa e come investe la regina d'Inghilterra.

Per cominciare, bisogna tenere a mente che molti dei beni sono in fideiussione, sono difficili da valutare e piuttosto illiquidi. Eppure, il portafoglio mostra un'inclinazione a proteggersi dall'inflazione. "Anche se non esiste alcun indice per i gioielli della corona, il prezzo della sterlina oro è più che raddoppiato in termini reali", dice il giornalista James Mackintosh. "I diamanti non hanno fatto così bene e il prezzo è aumentato meno dell'inflazione".

I gioielli della corona

Tuttavia, la vera chicca del portafoglio reale è la collezione d'arte. Secondo Christophe Spaenjers professore di Finanza alla École des Hautes Études Commerciales (HEC) di Parigi, il prezzo dell'arte all'asta a Londra è aumentato più di 500 in termini nominali, e di 20 dopo l'aggiustamento per l'inflazione, dal 1952, anno della proclamazione di Elisabetta II. Per fare un paragone, il prezzo dei cosiddetti Gilt britannici è quintuplicato in quel tempo, con investimento a cedola. "Con un reddito reale del 3% l'anno, l'arte è stata una delle asset class che meglio si è comportata nel secolo scorso, molto meglio delle obbligazioni", ha detto Mackintosh.

Un'altra componente del portafoglio che ha registrato una buona performance è stata il settore immobiliare, considerando che l'apprezzamento delle proprietà nobiliari negli ultimi sessant'anni è stato simile a quello delle azioni (esclusi i dividendi). Tuttavia, "gestire le proprietà è costoso, sono molto più difficili da vendere delle azioni e, anche se non abbiamo con precisione i dati, è probabile che i rendimenti netti di locazione siano inferiori a quelli sui dividendi", osserva il giornalista.

Il vero punto debole? La mancanza di diversificazione geografica, "Anche la maggior parte degli investitori patriottici sono consapevoli della necessità di includere attività estere in portafoglio per diversificare il rischio". Tuttavia, sembra che la regina d'Inghilterra pecchi di eccessivo nazionalismo, perché "è troppo concentrata sul Regno Unito", conclude Mackintosh.

Altre notizie correlate


Prossimi eventi