Tags: Business | USA | Emergenti | Monetari |

I migliori fondi monetari di gennaio


Attraverso i dati Morningstar Direct, abbiamo stilato la classifica dei dieci fondi, distribuiti in Italia, meglio performanti nel mese di gennaio, per la categoria dei monetari.

Il 2016 è stato l’anno in cui i fondi monetari hanno registrato più entrate nette rispetto agli ultimi cinque anni. Nonostante i tassi negativi e gli scarsissimi rendimenti offerti, la richiesta di questi prodotti è stata altissima. Hanno guadagnato in Europa quasi 112 miliardi di euro, rispetto ai 90 del 2015, ai 45 del 2014 e del 2013. Questo dimostra come la domanda anno dopo anno è aumentata. A confermare ancor più il dato, è il fatto che tra le prime dieci categorie con maggior numero di sottoscrizioni del 2016, vi è la presenza di ben tre sottocategorie di fondi monetari, ovvero quelli che investono nel debito britannico a breve termine, nel debito statunitense a breve termine e nell’obbligazionario europeo anch’esso a breve termine.

La classifica è composta per lo più da fondi a breve con elevato merito di credito, dove i primi tre fondi, sono monetari australiani. Il primo posto se lo aggiudicano a pari merito il JPMorgan Liquidity Funds - Australian Dollar Liquidity e l’UBS (Lux) Money Market Fund, con una performance in gennaio pari al +2,45%. Il primo, è un monetario australiano con patrimonio globale pari a 794 milioni di dollari australiani, che mira a conseguire un rendimento in linea con i tassi prevalenti nel mercato monetario, nonché a offrire una protezione del capitale compatibilmente con tali tassi, e a mantenere un elevato livello di liquidità. Il comparto investirà la totalità del suo patrimonio, ad esclusione della liquidità e dei depositi, in titoli di debito a breve termine denominati in AUD. In condizioni di mercato avverse, il fondo potrà avere un’esposizione a investimenti con rendimenti nulli o negativi. La scadenza media ponderata degli investimenti non supererà i 60 giorni, e la scadenza iniziale o residua di ciascun titolo di debito non sarà superiore a 397 giorni al momento dell’acquisto. I titoli di debito con un rating a lungo termine avranno un rating almeno pari ad "A" e i titoli di debito con un rating a breve termine avranno un rating almeno pari ad "A-1" secondo le categorie di Standard & Poor’s o un rating analogo attribuito da un'altra agenzia di rating indipendente. Il gestore può inoltre investire in titoli di debito sprovvisti di rating, purché aventi una qualità creditizia analoga a quanto specificato sopra.

Il secondo invece, è anch’esso un monetario australiano e, con patrimonio pari a 219 milioni di dollari australiani, investe principalmente in strumenti quali obbligazioni a breve termine di Paesi ed emittenti classificati come investment grade dalle agenzie di rating consolidate. La scadenza residua media dei titoli in portafoglio non deve superare un anno, e il gestore seleziona attentamente e combina emittenti e titoli con scadenze differenti, al fine di sfruttare interessanti opportunità di guadagno, mantenendo al contempo sotto controllo il livello di rischio.

In seconda posizione, troviamo il Fidelity Funds – Australian Dollar Cash Fund con il +2,43% di performance. Il fondo ha masse totali pari a 126 milioni di dollari australiani, e mira a fornire un rendimento in linea con i tassi del mercato monetario, con protezione del capitale e liquidità come caratteristiche principali. Almeno il 70% del capitale sarà investito in titoli di debito fruttiferi di interessi con scadenza inferiore a 12 mesi, tra i quali strumenti di banche statunitensi e di altre banche, cambiali finanziarie (commercial papers), obbligazioni emesse o garantite dai governi, dalle agenzie governative o dai suoi mandatari, titoli di credito a tasso variabile, certificati di deposito a tasso variabile, alcune obbligazioni ipotecarie a garanzia con rating investment grade e altri titoli garantiti da attività, ed emissioni dei governi, nonché di istituzioni sovranazionali, come i buoni del Tesoro e titoli a medio e lungo termine. Ha facoltà di investire in altre attività consentite, quali gli strumenti del mercato monetario e i contanti, a condizione che la scadenza media residua del portafoglio non sia superiore ai 12 mesi. Può inoltre utilizzare derivati allo scopo di ridurre il rischio o i costi, oppure di generare ulteriore capitale o reddito in linea con il profilo di rischio del comparto.

A chiudere il podio è l’AZ Fund 1 Renminbi Opportunities con il +2,3%. Il fondo possiede un patrimonio di circa 213 milioni di euro, ed è alla continua ricerca di una valorizzazione dei propri attivi a breve-medio termine. Il comparto è un Feeder dell’AZ Multi Asset – Renminbi Opportunities (il Master). Il Feeder investirà in maniera permanente almeno l’85% dei propri attivi nel predetto Master, dove l’obiettivo, la politica di investimento e il profilo di rischio del Feeder e del Master saranno analoghi. Il fondo investe in commercial paper, in titoli di credito assimilabili alle obbligazioni emessi da debitori con un rating in misura significativa, non inferiore all’investment grade, e in altri strumenti di credito nei limiti previsti dalla legge e dalle restrizioni relative agli investimenti, così come in quelli emessi da debitori di primo ordine e strumenti del mercato monetario a tasso fisso e variabile.

Fonte Morningstar Direct: i migliori 10 fondi monetari di gennaio, venduti in Italia.

FONDO CATEGORIA MORNINGSTAR SOCIETÀ RENDIMENTO % (IN EURO)
JPM Australian Dollar Liquidity EAA Fund AUD Money Mark JPMorgan AM 2,45
UBS (Lux) Money Mark EAA Fund AUD Money Mark UBS Fund Management 2,45
Fidelity Australian Dollar Cash EAA Fund AUD Money Mark Fidelity Inv Mgmt  2,43
AZ Fd1 Renminbi Opp EAA Fund Money Mark - Other AZ Fund Management 2,30
AZ Multi Asset Renminbi Opp EAA Fund Money Mark - Other AZ Fund Management 1,15
GS Yen Liquid Res Inst Inc EAA Fund Money Mark - Other Goldman Sachs AM International 1,08
Pictet-Short-Term Money Mark EAA Fund Money Mark - Other Pictet AM 1,08
Nordea 1 - Swedish Kroner Reserve EAA Fund SEK Money Mark Nordea Investment Funds 1,05
Vontobel Swiss Money EAA Fund CHF Money Mark Vontobel AM 0,51
Pictet-Short-Term Money Mark EAA Fund CHF Money Mark Pictet AM 0,48
Società

Altre notizie correlate


In arrivo la normativa europa sui fondi monetari

La proposta dovrà essere sottoposta all’approvazione del Consiglio e del Parlamento Europeo. Saranno avvantaggiati i gestori con solidi supporti di analisi e gestione del rischio, capaci di produrre un rating interno a costi bassi, mantenendo un profilo commissionale allettante per il compratore. Parla Raffaele Zenti, confondatore del roboadvisor AdviseOnly.

Prossimi eventi