Tags: Legale |

I gestori di fondi alternativi come dovrebbero riportare l'evoluzione del NAV? ESMA risponde.


Il reporting di informazioni continua ad essere l'argomento chiave della Direttiva europea per i gestori di fondi alternativi (AIFMD per il suo acronimo in inglese) che mette in atto un quadro globale per la regolamentazione e i requisiti da soddisfare per poter gestire e vendere su base tranfrontaliere gli AIF. Lo scorso 9 gennaio ESMA, l'autorità europea per la sicurezza dei mercati ha pubblicato un ulteriore aggiornamento delle Q&A per la corretta applicazione dell'AIFMD. Le risposte fornite in questa occasione riguardano le comunicazioni relative alle sottoscrizioni e ai riscatti, ai cambiamenti del NAV. Ma andiamo con ordine.

Comunicazioni relative al NAV

L'evoluzione del NAV cattura sia il cambiamento dovuto alle sottoscrizioni e ai rimborsi che il cambiamento dovuto alla performance dell'investimento. È l'effetto netto sul NAV del fondo nel periodo di rendicontazione dopo tutti gli inflow, gli outflows e le performance che deve essere preso in considerazione. I gestori di fondi alternativi dovrebbero riferire le informazioni sulla evoluzione del NAV per ogni mese del periodo di riferimento.  Se nessun NAV ufficiale è disponibile per il calcolo, i gestori dovrebbero utilizzare stime del NAV. In alcuni casi (ad esempio per fondi di investimento alternativi che investono in assets illiquidi), la migliore stima potrebbe essere il precedente NAV.

Un gestore sia di fondi che di fondi di fondi quando dovrebbe riportare informazione aggregata a livello di AIFM? ESMA risponde che il gestore dovrebbe riferire informazioni aggregate a livello di AIFM e sui fondi di fondi entro 45 giorni dopo la fine del periodo di riferimento. Le informazioni sui fondi di investimento alternativi che non assumono la forma di fondo di fondi deve essere segnalata 1 mese dopo la fine del periodo di riferimento, come previsto dall'articolo 110 del regolamento di applicazione.

Sottoscrizioni e rimborsi

Come vanno comunicate le sottoscrizioni e i rimborsi durante il periodo di reporting? Secondo ESMA i gestori di FIA dovrebbero riportare il valore della sottoscrizione e del rimborso e non il numero di sottoscrizioni e rimborsi. Le informazioni devono essere segnalati per il mese dei flussi di cassa e non per il mese di sottoscrizione e rimborso degli ordini a meno che non si tratti dello stesso mese. Ad esempio, un gestore è soggetto a obblighi di comunicazione trimestrale e gli investitori possono sottoscrivere / riscattare 4 volte all'anno sul NAV del 31/03, 30/06, 30/09 e 31/12 di ogni anno. Il gestore riceve per il gennaio 100 ordini di rimborso, per febbraio 200 e per marzo 50 (350 ordini di rimborso in totale nel periodo di riferimento Q1). Gli ordini di riscatto sono eseguiti nel mese di aprile sul NAV calcolato il 31 marzo. Il NAV è di € 100 per azione. Pertanto, il gestore riporterà ordini di rimborso per un valore complessivo di € 35.000 (350 * 100) nel mese di aprile (reporting per Q2).

Altre notizie correlate


Anterior 1
Anterior 1

Prossimi eventi