I fondi di Union Investment con il Marchio Funds People


Union Investment è un gestore patrimoniale attivo con sede a Francoforte, che fornisce una gamma completa di soluzioni di investimento attraverso diverse asset class e regioni. Fondata nel 1956, gestisce masse per 286 miliardi di euro, di cui 165,5 miliardi sono gestiti per conto dei suoi clienti istituzionali. È una società concentrata sul raggiungimento di un equilibrio ottimale tra rischio e rendimento, al fine di fornire performance superiori a lungo termine per i propri clienti. Offre veicoli di investimento per clientela retail e istituzionale, nonché soluzioni personalizzate tramite conti separati.

L’asset manager tedesco registra tre prodotti Consistenti con Marchio Funds People, di cui un bilanciato e due obbligazionari. Il primo è l’UniRak, un bilanciato moderato con un patrimonio globale pari a circa 3,32 miliardi di euro, gestito da Thomas Jökel e Andreas Mark, che ha come obiettivo quello di ottenere una crescita a lungo termine del capitale oltre al conseguimento di utili conformi al mercato, investendo almeno il 22,5% del valore del patrimonio in azioni di emittenti tedeschi, almeno il 26,25% in titoli a reddito fisso di emittenti  internazionali, denominati in euro, almeno il 26,25% in azioni di emittenti in tutto il mondo, e fino al 25% in strumenti del mercato monetario o in depositi bancari. L'utilizzo di derivati è ammesso per scopi sia di investimento sia di copertura. Le decisioni d'investimento saranno prese sulla base delle attuali valutazioni del mercato dei capitali, e attualmente il fondo investe circa un terzo in obbligazioni e due terzi in azioni. Le obbligazioni sono pertanto investite di preferenza in titoli denominati in euro, oppure coperti contro il rischio di cambio ed emessi da società, governi o altri emittenti. Attualmente la componente azionaria è investita prevalentemente in tutto il mondo.

L’UniInstitutional European Government Bonds Peripherie, invece, è un fondo obbligazionario con masse pari a circa 668 milioni di euro, che ha come obiettivo quello di ottenere una crescita a lungo termine del capitale, oltre al conseguimento di utili conformi al mercato. Il patrimonio deve essere costituito per almeno il 51% del valore da titoli (rendite) fruttiferi di amministrazioni centrali europee, amministrazioni regionali, entità e istituti di diritto pubblico con personalità giuridica o emittenti sovranazionali, che non appartengano ai Paesi chiave (Repubblica Federale Tedesca, Gran Bretagna, Francia, Belgio, Paesi Bassi e Lussemburgo) dell'Unione Europea (cosiddetti Paesi periferici); può investire inoltre fino al 49% del patrimonio in strumenti del mercato monetario o in depositi bancari, e l'utilizzo di derivati è ammesso per scopi sia di investimento sia di copertura. Gli investimenti saranno effettuati in base alle valutazioni correnti del mercato dei capitali, e attualmente il patrimonio del fondo è investito in prima linea in obbligazioni statali dei Paesi periferici. Le obbligazioni detenute nel comparto sono emesse da società, governi o altri enti.

Infine abbiamo l’UniEuroRenta Corporates, un obbligazionario corporate con masse pari a 830 milioni di euro, e gestito da Stephan Ertz e Marc Hellingrath, che mira a conseguire, oltre a rendimenti in linea con il mercato, una crescita del capitale a lungo termine, investendo in obbligazioni societarie, bancarie, convertibili e cum warrant, nonché in altri titoli fruttiferi. I gestori prediligono obbligazioni societarie, denominate in euro, emesse da emittenti europei, residenti in uno Stato membro dell’Unione Europea, che presentano una buona solvibilità. È possibile ricorrere a strumenti derivati a scopi di investimento e di copertura, e gli investimenti sono decisi sulla base di stime aggiornate sul mercato dei capitali. Attualmente investe soprattutto in obbligazioni societarie europee del segmento investment grade, ossia con solvibilità superiore o pari a “Baa3” o “BBB-“ (rating Moody’s e Standard & Poor’s).

Altre notizie correlate


Prossimi eventi