Tags: Business |

Gli aspetti su cui si soffermano gli investitori quando scelgono un fondo


Anche se i disclaimer dei prospetti dei fondi dicono a chiare lettere che i rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri, la verità è che i risultati storici ottenuti dai gestori continuano a essere uno dei fattori più rilevanti per gli investitori retail quando selezionano un fondo. E questo succede anche in Paesi dove si presuppone che la cultura finanziaria e le competenze degli investitori retail riguardo ai prodotti siano maggiori, come nel Regno Unito.

È quanto emerge da uno studio sull’industria della gestione patrimoniale britannica pubblicato dalla Financial Conduct Authority (FCA), che rivela come le commissioni (45%), i rendimenti passati (44%) e le previsioni di rendimento futuro (44%) siano gli aspetti di maggior peso per gli investitori retail nel processo di selezione di un fondo. Questo tipo di investitori è maggiormente influenzato dai rendimenti passati che dalle commissioni richieste. Il 53% degli investitori con volumi inferiori ai 50 milioni di sterline da più importanza ai risultati passati ottenuti dalla strategia che ai costi di investimento nel prodotto. Infatti, il 51% assicura di non pagare commissioni o di non essere sicuro di farlo per i prodotti nei quali investe, il che rivela una scarsa preparazione dell’investitore retail sul prodotto.

grafico1

Nonostante l’importanza che gli investitori conferiscono ai risultati ottenuti dai fondi in passato, dalla FCA osservano che il realtà questo dato serve a ben poco. “I rendimenti passati non aiutano gli investitori a individuare i fondi che otterranno migliori risultati rispetto all’indice in futuro. I rendimenti passati potrebbero essere difficili da interpretare e paragonare. E, anche se fossero facilmente misurabili, la maggior parte dei gestori non riesce a battere il mercato in modo persistente nel tempo”, affermano.

Il caso degli investitori istituzionali

Per gli investitori istituzionali – quelli con un patrimonio investito superiore ai 50 milioni di sterline – le cose sono ben diverse. Solo il 13% considera molto più  rilevanti i rendimenti passati che i costi. I risultati ottenuti dal prodotto sono importanti ma non si collocano nella parte più alta della scala delle loro priorità. Per questa tipologia di investitori, le commissioni di gestione e la reputazione del gestore sono molto più importanti. Anche quegli investitori istituzionali che possono contare sul supporto delle grandi società di consulenza antepongono questi due fattori - così come il livello di specializzazione del gestore nel segmento di mercato – ai risultati storici ottenuti.

grafico2

L’influenza esercitata dalle società di consulenza sul comportamento degli investitori istituzionali è particolarmente elevata. L’analisi econometrica realizzata dalla FCA ha rivelato che le raccomandazioni dei consulenti orientano i flussi netti verso i fondi. In questo senso, i risultati ottenuti dall’ente britannico mostrano che i flussi rispondono velocemente alle indicazioni dei consulenti, mostrando i loro effetti nel trimestre successivo alle raccomandazioni (effetti che solitamente tendono a persistere per diverso tempo).

Altre notizie correlate


Anterior 1
Anterior 1

Prossimi eventi