Tags: Legale |

Fusione di fondi: con l'UCITS V potrebbe costare un 50% in più


Nuove risposte alla consultazione della Commissione europea sull'impatto delle riforme del settore finanziario. Se pochi giorni fa, l'Associazione europea di fondi e di asset management (EFAMA) e l'associazione lussemburghese dell'industria dei fondi (ALFI) chiedevano un periodo di stabilità regolamentare e più tempo per digerire la valanga di nuove regole, l'Investment Association (IA) britannica ha richiamato l'attenzione su uno dei punti di UCTIS V che pregiudica la fusione dei fondi, così come la liquidazione, fusione o divisione di strutture master-feeder.

Come attualmente formulato, la direttiva costringe le SGR a informare gli investitori del fondo oggetto di fusione "su carta o (quando sono soddisfatte le altre condizioni) con altro supporto durevole". Quest'esigenza, che si scontra con l'attuale tendenza verso la digitalizzazione delle informazioni, avrebbe un effetto reale su queste operazioni, aumentandone il costo del 25-50%, secondo le stime dell'associazione. Cosa che, in alcuni casi, non renderebbe più redditizie le fusioni. "In pratica, è molto costoso soddisfare questi requisiti, a tal punto che la fusione diventa economicamente meno vantaggiosa" dice l'IA in risposta alla Commissione. Prendendo come esempio i dati sulle fusioni nel Regno Unito nel 2009, l'IA ha stimato che una comunicazione cartacea avrebbe significato un costo aggiuntivo di 4 milioni di sterline, che, per l'intera Unione europea, ammontano a decine di milioni di euro all'anno, cosa che "potrebbe finire per mettere a rischio le stesse fusioni di fondi".

"Non capiamo perché gli obblighi di informazione in questo caso devono essere diversi da quelli già applicati in altre circostanze (convocazione dell'assemblea generale, rinominazione del fondo, ecc) dove non c'è armonizzazione a livello europeo". Pertanto, l'associazione ha chiesto alla Commissione di rivedere la regola e di "lasciare agli Stati membri di decidere come comunicare queste informazioni agli investitori."

Altre notizie correlate


Prossimi eventi