Tags: ETF | Europa | USA | Emergenti |

ETP globali, la scalata verso il record


Ad agosto, un mese caratterizzato da dati economici positivi ma anche da una rinnovata volatilità, la raccolta degli ETP a livello globale è stata pari a 47,4 miliardi di dollari. I flussi da inizio anno, trainati dalle esposizioni azionarie dei mercati sviluppati e sostenuti dai fondi fixed income, sono cresciuti fino a raggiungere i 419,2 miliardi di dollari, superando il dato di tutto il 2016 (378,4 mld) e avviandosi vero il raggiungimento di un nuovo record. Lo rivela BlackRock nel suo ultimo Global ETP Landscape.

Captura_de_pantalla_2017-09-20_a_la_s__13

Dei 33,5 miliardi di dollari raccolti dall’equity, 9,5 miliardi sono confluiti nell’azionario statunitense, spinto da solidi utili aziendali e da una forte crescita economica, con le large cap che hanno attirato gran parte dei flussi (8,6 mld). Le esposizioni azionarie allargate sui mercati sviluppati e quelle sull’azionario giapponese hanno, invece, raccolto 7,6 e 8,0 miliardi di dollari, rispettivamente. Nonostante le tensioni politiche con la Corea del Nord, poi, i flussi azionari dei mercati emergenti hanno raggiunto i 6,2 miliardi di dollari ad agosto.

Per quanto riguarda il reddito fisso, i flussi sono stati pari a 12,2 miliardi di dollari, guidati dal segmento investment grade corporate con +4,2 miliardi di dollari, portando la raccolta annuale a quota 39,6 miliardi di dollari.

Tendenze degli ETP europei

Gli esperti di BlackRock si sono successivamente soffermati sulla regione EMEA, osservando i principali dati degli ETP quotati nella zona. La raccolta di questi ultimi ad agosto ha subito un notevole arresto, passando dai 9,2 miliardi di dollari di luglio ai 4,9 miliardi di agosto. L’asset class vincente del mese è stata l’obbligazionario con flussi per 2,5 miliardi di dollari, seguiti dall’azionario che, per la seconda volta in 11 mesi, resta indietro rispetto al fixed income con una raccolta di 2,4 miliardi.

Sulla base dei dati raccolti, Patrick Mattar, del team capital markets EMEA di iShares, ha individuato cinque principali tendenze dei flussi degli ETP europei registrate ad agosto.

1. EMEA e USA più vicine
I flussi degli ETF azionari quotati nella regione EMEA hanno colmato il divario con gli equivalenti americani. Nonostante il rallentamento di luglio, la raccolta pari a 1,1 miliardi di dollari conferma un trend positivo per 12 mesi consecutivi - il periodo più lungo mai registrato - verso gli ETP azionari in Europa.

2. L’amico trend
Agosto è stato il miglior mese di sempre per le esposizioni ‘momentum’ con flussi netti per 300 milioni di dollari registrati dagli ETP fattoriali momentum quotati in EMEA. I flussi si sono principalmente concentrati sugli ETF azionari momentum con esposizione globale. Come scrivono da BlackRock, “il fattore ‘momentum’ favorisce un’esposizione ad un universo di azioni che vantano buone performance in un passato recente e l’interesse per questa tipologia di investimento suggerisce che alcuni investitori stanno seguendo il vecchio mantra ‘the trend is your friend’”.

3. Puntare sui finanziari
Agosto è stato il sesto mese consecutivo di afflussi per gli ETP sul settore finanziario europeo, che si attestano i migliori di sempre per questi fondi. Molti investitori si stanno orientando sulle basse valutazioni dopo un lungo periodo di performance negative. Gli indici delle Banche europee hanno registrato recentemente consistenti movimenti verso l'alto, evidenziando come molte posizioni ‘futures’ sono state dominate da investitori rialzisti. “Con la sproporzionata inclinazione verso posizioni lunghe sui futures, con i conseguenti aumenti dei costi roll su questi contratti, gli investitori con una visione positiva sui titoli finanziari europei potrebbero indirizzarsi verso gli ETF per un'esposizione più efficiente”, afferma Mattar.

4. La frammentazione del reddito fisso
Quest’anno gli ETP Euro investment grade e sul debito dei mercati emergenti sono stati i prodotti con maggiori afflussi all’interno dell’asset class obbligazionaria a livello europeo. Complessivamente, hanno raccolto 11,2 miliardi di dollari su un totale di 22,1 miliardi di dollari registrati nel 2017 dall’intero mercato degli ETP a reddito fisso quotati in EMEA. Ma ad agosto la situazione è cambiata: gli ETP Euro IG e EMD hanno contribuito solo per il 37% del totale dei flussi sul reddito fisso dell’area EMEA rispetto al 67% dei tre mesi precedenti. In termini assoluti, dunque, i flussi appaiono in rallentamento per entrambe le categorie.

5. La corsa dell’oro
Un altro elemento che gli esperti di BlackRock sottolineano è la tendenza degli investitori statunitensi a rifugiarsi nell’oro per effetto delle crescenti tensioni tra Stati Uniti e Corea del Nord. Ad agosto, infatti, si sono registrati flussi d’ingresso sia per gli ETP quotati negli Stati Uniti (1,1 miliardi di dollari) sia per i fondi quotati in Europa (0,3 miliardi di dollari).  

Società

Altre notizie correlate


Anterior 1 3
Anterior 1 3

Prossimi eventi