Tags: Business |

Evoluzione dell'industria dei fondi d'investimento europea


Sembra che il consolidamento del settore dei fondi d'investimento europea cominci a toccare fondo. I dati dell'ultimo rapporto di Thomson Reuters Lipper mostrano che la tendenza al ribasso nel lancio di nuovi fondi, avviata dopo il record del 2010, ha subito un rallentamento, dal momento che nel 2013 si sono lanciati quasi lo stesso numero di prodotti che nel 2012. Inoltre, il numero di fusioni tra fondi e liquidazioni è anche rimasto stabile nel 2013 rispetto all'anno precedente. 

E un eventuale cambiamento di tendenza è stato avvistato: "Anche se la cifra netta dei fondi disponibili in Europa continua a diminuire in termini generali, nel quarto trimestre del 2013 sono stati lanciati più prodotti rispetto ai tre trimestri precedenti", scrivono gli autori del rapporto, Detlef Glow, presidente della Lipper EMEA Research  e Christoph Karg, specialista dei contenuti per la Germania e l'Austria.

Panoramica del settore

Secondo Lipper, a fine 2013, c'erano 31.724 fondi comuni di investimento registrati per la vendita in Europa. Con 8.617 fondi domiciliati, Lussemburgo continua a dominare il mercato europeo, seguito dalla Francia (4797). Per classe di attivi, i fondi azionari sono ancora i più numerosi e rappresentano il 37% dei prodotti commercializzati. Di seguito troviamo i  fondi misti (26%), i fondi obbligazionari (22%) e dei fondi del mercato monetario (5 %). Il restante 10% (incluso all'interno dell'etichetta 'altri fondi') comprende fondi immobiliari, fondi che investono in materie prime, garantiti e fondi di fondi hedge .

Un altro aspetto sottolineato nella relazione è che il numero di lanci di nuovi prodotti, fusioni e liquidazioni di fondi nell'ultimo trimestre del 2013 mostra tendenze molto diverse tra i fondi del mercato monetario e gli ‘altri fondi’, dove le  liquidazioni hanno superato di molto i nuovi lanci e i fondi obbligazionari e misti che, sebbene nel trimestre abbiano registrato piú liquidazioni e fusioni  rispetto a nuovi lanci, forniscono un quadro molto più robusto.

Prospettive

Secondo Lipper, i principali requisiti normativi comportano costi aggiuntivi per il settore dei fondi di investimento. Proprio la settimana scorsa, il Parlamento europeo e il Consiglio hanno raggiunto un accordo per riformare la direttiva UCITS, facendo ulteriore pressione sui margini. Inoltre, molte società di gestione si sentono sotto pressione per le esigenze di redditività imposte dalle loro matrici. "Per queste ragioni, è probabile che continui il processo di consolidamento man mano che le societá di gestione ristrutturano la propria gamma di prodotti , sia per quanto riguarda le strategie offerte, sia per le piattaforme di distribuzione ", affermano gli autori del rapporto.

Tuttavia, questa realtà di maggiori costi, minori margini e forti esigenze di redditività non deve necessariamente comportare un abbandono di innovazione. "Gli investitori sono ancora in attesa che prodotti nuovi e innovativi vengano lanciati", ha spiegato Glow e Karg. "Ma  potrebbe verificarsi  che d'ora in poi, questi nuovi lanci possano dipendere piú dalla domanda che dalla dinamica di mercato".

Altre notizie correlate


Anterior 1
Anterior 1

Prossimi eventi