Europa-Cina. Ecco il binomio vincente di Consultinvest SGR


Europa-Cina. Questo il binomio vincente per Enrico Vaccari, gestore di Consultivest SGR, che suggerisce un approccio flessibile e una maggiore propensione per il mercato azionario. “La politica espansiva adottata dalle rispettive banche centrali e il basso livello di capitalizzazione di Borsa dell'Europa e della Cina rispetto al PIL del proprio Paese sono i due principali fattori che lasciano presupporre che la corsa dei rispettivi mercati azionari sia destinata a proseguire ancora nei prossimi mesi”, spiega Vaccari. 

Più di 12 banche centrali – tra le quali quelle di Svizzera, Danimarca, Svezia, Cina e Corea del Sud – hanno rilanciato una politica monetaria espansiva per rendere più competitive le rispettive economie. In Europa, il quantitative easing è iniziato il 9 marzo è l'effetto principale è stato quello di spingere le risorse dai titoli precedentemente più diffusi (titoli di Stato), verso attività più rischiose e redditizie, tra cui il comparto azionario.  Dall'altra parte del mondo, in Cina, risale invece a pochi giorni fa la decisione della banca centrale (la People’s Bank of China) di mettere a punto una nuova mossa espansiva di politica monetaria effettuando una nuova maxi-iniezione di liquidità, abbassando i requisiti di riserva obbligatoria  alle maggiori banche del Paese di 100 punti base, portandoli così al 18,5%,  il maggior taglio dal 2008. Una mossa destinata a essere di supporto per diversi Paesi emergenti, tra cui il Giappone. 

“Ma non è solo una questione di politica monetaria, c'è un altro fattore  che fa presupporre che in Europa e in Cina i mercati azionari siano ancora sottovalutati", aggiunge Vaccari. Si tratta del rapporto tra la capitalizzazione di Borsa e il PIL. Se si analizza, infatti, la  capitalizzazione di Borsa di queste due piazze rispetto ai propri PIL  si  ha, in entrambi i casi, un rapporto di circa il 50%, contro  il 120% degli USA”. E anche l'EuroStoxx, che si trova ora sui 3.700 punti, è ancora lontano dai massimi di oltre 5.000 punti del marzo del 2000, o dai 4.500 del 2007. “In questo momento, caratterizzato da bassi tassi obbligazionari, da tassi di deposito negativi e tassi di conto/corrente non remunerati, non resta altra alternativa che aumentare l'esposizione al mercato azionario”,  prosegue il gestore di Consultinvest SGR,  che suggerisce appunto di focalizzarsi su Europa e Cina. “Senza mercati azionari non si portano a casa dei rendimenti; anzi si rimane esposto solo ai rischi dei mercati obbligazionari, senza però ottenerne i benefici monetari”.

Quanto ai settori, sul mercato azionario “i favoriti sono i titoli finanziari (banche e assicurazioni) che sono ancora sottovalutati, ma sono interessanti anche i telefonici e gli industriali, più legati al ciclo economico – commenta Vaccari, che poi aggiuge che i telefonici, in particolare, potrebbero essere oggetto di M&A e questo li rende  appetibili. Passando invece al mercato obbligazionario, “ci sono diverse emissioni corporate interessanti in Europa e negli Stati Uniti, mentre tra i governativi e i bond di emittenti sovrannazionali si collocano meglio il Brasile, il Messico e la Russia, dove alcune emissioni offrono rendimenti a doppia cifra”, dichiara Vaccari, che poi però conclude suggerendo “di fare, in questi mercati emergenti, solo piccoli investimenti diversificati, facendo molta attenzione al rischio cambio”. 

Professionisti
Società

Altre notizie correlate


Anterior 1 3

Cina, niente panico

Molti analisti di borsa non consigliano di acquistare in questa fase di debolezza, perché la correzione potrebbe non essersi conclusa. Ma il renminbi sta dimostrando una forte stabilità grazie al suo ancoraggio al dollaro Usa. Ecco cosa dicono gli esperti

Anterior 1 3

Prossimi eventi