ESMA, una consultazione pubblica sulla politica retributiva


L'Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA) ha pubblicato un documento di consultazione (Consultation Paper) sulle regole in merito alla politica retributiva dei prodotti d'investimento collettivi soggetti alle direttive europee UCITS V (fondi armonizzati) o AIFMD (fondi di gestione alternativa) in confimorità a quello che stabilisce l'articolo 14 della propria direttiva UCITS (2014/91/EU). Il documento di consultazione riguarda questioni come la gestione di società che formano parte di un gruppo, la definizione di commissioni, l'applicazione di diverse norme settoriali e delle norme applicabili a terzi nelle quali si delegano le funzioni previste nell'articolo 13 della direttiva e le quote di pagamento del fondo o di altri strumenti diversi. 

Tra i primi a valutare la proposte c'è stata l'Associazione europei di fondi e asset management (EFAMA) che ha da poco nominato Alexander Schindler come nuovo presidente al posto di Christian Dargnat. In un comunicato ai suoi membri firmato dal direttore generale di EFAMA, Peter de Proft, l'associazione conferma che "ESMA ha adottato le norme sulle politiche di retribuzione che stabilisce AIFMD come punto di partenza per lo sviluppo di raccomandazioni per  UCITS V, allontanandorsi da quelle solo quando è strettamente necessario". In particolare, il regolatore europeo vuole applicare lo stesso approccio proporzionale previsto in AIFMD, anche se potrebbe non esigere certi requisiti in quei casi in cui ci fossero delle circostanze concrete. L'ESMA però "riconosce che le norme sulla proporzionalità potrebbero essere interpretate in altra forma in UCITS V", spiega Peter de Proft, "e vorrebbe conoscere il parere degli interessati sull'impatto (soprattutto in termini di costi e oneri amministrativi) del focus sulla proporzionalità presentato recentemente dall'Autorità bancaria europea (ABE) nel suo documento di consultazione sui principi per la retribuzione in base alla direttiva CRD IV". Inoltre, l'ESMA sfrutta questa consultazione pubblica per proporre di rivedere le norme in materia di politiche di remunerazione AIFMD, allo scopo di chiarire alcune questioni.

La consultazione, rivolta a gestori di fondi, associazioni professionali, investitori istituzionali e investitori retail, sarà aperta fino al 23 ottobre 2015. L'ESMA successivamente rivedrà le osservazioni ricevute e farà le modifiche necessarie per la sua proposta finale, prevista entro il 18 marzo 2016, termine ultimo per il recepimento della direttiva UCITS V.

Altre notizie correlate


Prossimi eventi