Tags: Business |

Emilio Franco (UBI Pramerica): "nel breve la principale assicurazione è l'azione delle Banche centrali"


Per Emilio Franco, CFA, vice DG e responsabile Investimenti UBI Pramerica SGR, "l’incertezza sugli sviluppi futuri dal punto di vista politico, macroeconomico, della politica monetaria, e dei mercati stessi rappresenta paradossalmente la costante dei prossimi mesi". Il quadro complessivo si è chiaramente deteriorato, in seguito all’inattesa decisione degli elettori britannici di votare per l’uscita del Paese dall’Unione Europea. I rischi sono aumentati, sebbene lo shock abbia una dimensione prevalentemente regionale, in grado di intaccare la crescita economica in modo significativo in Inghilterra e, meno pesantemente, nel resto di Europa, ma non tale da minacciare gli USA e il resto del mondo. I canali di trasmissione saranno rappresentati dalla fiducia di imprese e famiglie e l’eventuale restringimento delle condizioni finanziarie causato dall’allargamento dei premi per il rischio. "La principale assicurazione nel breve contro il verificarsi di un avvitamento in un pericoloso circolo vizioso fra economia e mercati è rappresentata dall’azione delle Banche centrali".

In logica di allocazione settoriale, la società privilegia alcuni dei comparti tradizionalmente difensivi, più che per ragioni di natura top down sulla base di opportunità propriamente legate alla analisi bottom up. "In particolare, abbiamo in sovrappeso i 'consumer staples', nello specifico i sotto comparti del food retail, che offre cash flow stabili e buona visibilità del business a valutazioni ancora accettabili, e il beverage, con una focus sul tema della concentrazione in atto sul mercato globale della birra", spiega Franco. E aggiunge che "sinergie commerciali e di costo dovrebbero essere in grado di sostenere la dinamica degli utili anche in ipotesi di sorprese negative sulla crescita macro. Considerazioni simili valgono anche per il gruppo dell’healthcare, nell’ambito del quale abbiamo esposizione a società con pipeline solide non pienamente apprezzate dal mercato".

Attualmente in UBI Pramerica sono sovraesposti anche a un settore non tradizionalmente difensivo, l’energy. La ragione di ciò è che "questo settore è stato oggetto di una prolungata revisione al ribasso delle stime di utili in sintonia, con la prolungata discesa delle quotazioni del prezzo del petrolio; tale revisione si è concretizzata in una marcata sottoperformance che sta iniziando ad essere riassorbita". Valutazioni, aumento delle aspettative di redditività, progressivo riassorbimento dell’eccesso di offerta sul mercato della commodity, posizionamento da parte degli investitori sono il probabile vento in poppa per i prossimi mesi.

Per Emilio Franco, inoltre, "gli screening di valutazione e l’estrema sottoperformance assoluta e rispetto al mercato segnalano l’opportunità di prestare attenzione al comparto bancario, non solo di euro zona, sul quale continuano però a gravare dinamiche operative molto negative".

Professionisti
Società

Altre notizie correlate


Prossimi eventi