È tempo di minibond


Anthilia Bond Impresa Territori, fondo per le Pmi italiane, è arrivato a una disponibilità totale di 129 milioni di euro, grazie all’apporto della Banca Popolare di Bari, pari a 15 milioni di euro. L’Anthilia BIT, promosso e gestito da Anthilia Capital Partners SGR, rappresenta una fonte di finanziamento complementare al credito bancario. Le aziende target di questa iniziativa sono società con un fatturato compreso tra 10 e 200 milioni di euro, che si caratterizzano da buoni risultati finanziari e un’interessante storia di crescita. Anthilia mira a fornire le risorse finanziarie per intraprendere nuove idee imprenditoriali legate soprattutto al processo di internazionalizzazione del proprio business. I 129 milioni di euro saranno messi a disposizione per supportare i processi di sviluppo e internazionalizzazione del tessuto produttivo italiano delle PMI.

Sono più di 1.200 le società del centro/Sud Italia pronte a beneficiare delle opportunità offerte dai mini bond. La partecipazione della Popolare di Bari ad “Anthilia BIT” rientra nel più ampio progetto avviato dalla Banca per assistere le aziende in tutte le attività necessarie al collocamento di minibond, dalla preparazione della documentazione alle fasi finali di arrangement e collocamento. “Siamo contenti che Banca Popolare di Bari abbia scelto di investire nel nostro fondo “Anthilia Bond Impresa Territorio”, commenta Giovanni Landi, senior partner di Anthilia Capital Partners, uno strumento che permetterà anche alle Pmi del centro/sud Italia di trovare un maggior supporto finanziario e diversificare le fonti di finanziamento, accompagnandole nello sviluppo di interessanti progetti e imprenditorialità”. Ha aggiunto Landi: “la presenza delle principali banche regionali, l’indipendenza dei diversi soggetti coinvolti e la capacità di essere al fianco degli imprenditori sui singoli territori, rendono questo progetto la prima risposta concreta e distintiva legata alle opportunità aperte dal legislatore per la creazione di un mercato di mini bond”.

Ha spiegato il vice Direttore Generale Business della Popolare di Bari, Gianluca Jacobini: “abbiamo scelto di aderire al fondo “Anthilia BIT” perché riteniamo che la diffusione di strumenti finanziari innovativi possa rappresentare una grande opportunità per sostenere la crescita e lo sviluppo delle Pmi italiane e di quelle meridionali in particolare, che la Banca Popolare di Bari intende promuovere attivamente, In particolare, grazie all’adozione di un approccio innovativo imperniato su servizi quali l’advisory e la consulenza strategica, la BPBari ha l’obiettivo di rispondere efficacemente alle principali esigenze strategico-industriali, gestionali e finanziarie delle imprese italiane offrendo soluzioni specialistiche di finanza strutturata a sostegno della crescita e assistenza a supporto della penetrazione di mercati esteri”.

Secondo i dati e le stime elaborate da Anthilia Capital Partners SGR, sarebbero 1.269 le società del centro/sud Italia che avrebbero le caratteristiche per poter beneficiare al meglio dell’opportunità offerta dai mini bond. In particolare: 465 nel Lazio, 277 in Campania, 200 nelle Marche, 110 in Puglia, 85 in Umbria, 74 in Abruzzo, 29 in Calabria, 18 in Basilicata e 11 in Molise.

Professionisti
Società

Altre notizie correlate


Anterior 1
Anterior 1

Prossimi eventi