Tags: USA |

Dove saranno i tassi di interesse degli USA fra un anno


La Fed ha annunciato un rialzo dei tassi di 25 punti base esattamente 12 mesi dopo averli aumentati per la prima volta in dieci anni, un movimento ampiamente scontato dai mercati. L’autorità monetaria ha modestamente incrementato le sue prospettive di rialzo per il 2017, portandole a tre (invece delle due previste). Da AXA Investment Managers anticipano che la Fed continuerà a inasprire la politica economica in modo cauto nel 2017, prima di un accelerazione nel 218, ma non prevedono un ritmo di rialzi così sostenuto. Parlano di due rialzi nel 2017 (a giugno e a dicembre) e tre nel 2018, portando i tassi all’1,75-2,0% alla fine del 2018.

“Le condizioni finanziarie più severe in corso, compresa la pressione al rialzo sui rendimenti a 10 anni negli Stati Uniti che stimiamo al 2,75% per la fine del 2017, e un rialzo nel dollaro statunitense ponderato, a nostro giudizio suggerisce che ci sarà un ritmo più lento di quello previsto dalla Fed per il prossimo anno”, affermano Laurence Boone, head of research, David Page, senior economist e Serge Pizem, global head of multi asset investments di AXA IM. Tuttavia, gli esperti ricordano che il verbale della riunione di dicembre della Fed sarà pubblicato il 4 gennaio, fornendo agli investitori maggiori informazioni riguardo alla sue decisioni e alle sue prospettive economiche. Più chiarezza ci sarà anche dopo che Donald Trump si sarà insediato ufficialmente alla Casa Bianca e avrà reso noto il suo programma di governo. Cosa che potrebbe condizionare la politica monetaria della Fed.  

Come ricordano da TT International, il neo presidente è stato eletto con la promessa di un populismo economico che comporta azioni per stimolare la crescita economica, soprattutto spesa fiscale a favore delle infrastrutture e tagli alle tasse. “Trump ha fatto del programma d’investimento di mille miliardi di dollari per le infrastrutture la sua priorità assoluta e prevede di ridurre le imposte alle società dal 35% al 15%. Queste politiche porteranno senza alcun dubbio a una crescita più veloce negli Stati Uniti, un’inflazione più alta, un maggiore disavanzo di bilancio, rendimenti più alti, un dollaro più forte e una Fed più severa”, sostengono dalla società.

Tuttavia, non c’è bisogno di aspettare l’insediamento di Trump per comprendere cosa comporta la decisione della Fed in relazione alle divergenze politiche tra le Banche centrali. Bisogna ricordare che la stessa settimana nella quale la Fed ha alzato i tassi, la Banca d’Inghilterra e la Banca nazionale svizzera hanno deciso invece di mantenerli stabili (in territorio basso e negativo, rispettivamente). D’altra parte, due settimane fa, la BCE ha annunciato l’estensione del suo QE. “Nonostante l’elevato livello del dollaro rispetto alla maggior parte delle divise europee, solo un investitore coraggioso non manterrebbe alcuna esposizione senza coprirsi in asset denominati  in dollari statunitensi nel 2017. I problemi politici europei – che si scontrano con la forza economica e tassi più alti negli USA – dovrebbero continuare a spingere il biglietto verde”, affermano da J.P.Morgan AM.

Professionisti
Società

Altre notizie correlate


Anterior 1
Anterior 1

Prossimi eventi