Come sapere se ci stiamo addentrando in un mercato rialzista o ribassista? Chiedilo a Twitter


I social network sono diventati uno strumento in più per identificare le tendenze e generare idee di investimento. Uno studio statistico della Banca centrale europea va oltre, trovando che una di queste reti -Twitter- può servire come un indicatore di sentiment degli investitori e, quindi, del comportamento dei titoli di borsa. Da dati raccolti tra il 2010 e il 2012, gli autori del rapporto - Huina Mao e Johan Bollen, dell'università dell'Indiana, e Scott Counts di Microsoft Research- hanno concluso che "il valore predittivo del sentimento rialzista su Twitter per quanto riguarda il prezzo delle azioni (...) è significativo in termini statistici ed economici. "Non solo, ma "un sentimento rialzista elevato in Twitter si traduce in un aumento del ritorno quotidiano il giorno dopo, tornando a livelli normali tra due e cinque giorni più tardi."

Per realizzare lo studio, i ricercatori hanno analizzato l'impatto delle parole "bullish" (riferendosi al sentimento rialzista) e "bearish" (sentimento ribassista) tra gli utenti di Twitter degli Stati Uniti, ovvero nel più grande mercato al mondo con il maggior numero di utenti del social network, del Regno Unito e Canada, i paesi con Borse molto sviluppate in cui Twitter ha una forte presenza e della Cina, dove è vietato, e quindi è servito come mercato di controllo.

Il vantaggio di utilizzare questi termini (e i loro equivalenti in cinese), spiegano, è che "molto spesso sono limitati a un contesto puramente finanziario, così hanno più probabilità di essere un indicatore inequivocabile del sentimento rialzista o ribassista degli investitori", soprattutto se si considera che misurano impressioni condivise volontariamente e spontaneamente dagli utenti di Twitter, ed in contrapposizione ad esempio, alle risposte che si danno nei sondaggi tradizionalmente utilizzati per valutare il sentiment degli investitori.

Un'altra conclusione dello studio è che il valore predittivo si verifica solo nei mercati in cui il social network è ben implementato: Infatti, mentre la correlazione è significativa nei tre mercati anglosassoni, è praticamente inesistente in Cina. Tuttavia, gli autori sottolineano che la correlazione non implica causalità, in modo che pensano già di sviluppare nuovi studi per cercare di determinare la relazione causale tra il social network e i mercati finanziari.

Prima di Google

Lo studio analizza anche l'impatto di questi concetti nel motore di ricerca per eccellenza, Google. E la conclusione è che non solo esiste "una correlazione positiva e statisticamente significativa tra il sentimento rialzista su Twitter e Google", ma anche che "i cambiamenti nel sentiment rialzista su Twitter prevedono variazioni di sentimento rialzista in Google, e ciò indica che informazioni di Twitter precedono le ricerche Google ".

È sempre più comune per le societàdi gestione di fondi di investimento avere un account su Twitter. Gruppi come Blackrock, M&G, GSAM, Nordea, Pimco, Threadneedle sono i più seguiti. 

 

Altre notizie correlate


Anterior 1
Anterior 1

Prossimi eventi