Tags: Business |

Come impatta questo ottimismo sui mercati? Opinioni dei professionisti


Funds People ha chiesto ai professionisti del settore dell'asset management locale quali potrebbero essere le conseguenze dei risultati nelle elezioni europei sui principali mercati europei. Ecco i loro pareri:

Marco Seveso, senior fund manager di Soprarno SGR: "il voto di domenica è a nostro avviso un voto di fiducia dell’area moderata nei confronti di Renzi e della speranza di stabilità e riforme da lui impersonata attualmente nello scenario politico istituzionale italiano. Riteniamo che queste elezioni rafforzino sensibilmente  il Governo e diano a Renzi un “mandato” ad accelerare sul piano di riforme sia istituzionali che economiche. Rimaniamo cauti sulla velocità di implementazione di tale piano e sull’incisività delle riforme che ad oggi ci paiono timide e non decisive nel risolvere i problemi strutturali dell’Italia. L’indebolimento della componente piu’ conservatrice del centrosinistra e l’implosione delle forze di centrodestra che vivono una fase di transizione post-Berlusconiana alla ricerca di una leadership nuova  e credibile sono condizioni che permetteranno a Renzi di governare e di implementare il programma da lui proposto in fase di insediamento", conclude.

Roberto Campani, gestore azionario Italia di Pioneer Investments: "con la grande affermazione del principale partito di Governo e dello stesso Presidente del Consiglio Renzi è arrivato un importante segnale di stabilità per l’attività di Governo. Adesso diventa cruciale implementare le riforme necessarie a sostenere la crescita che potrà portare beneficio e opportunità di investimento soprattutto nel segmento delle piccole e medie imprese. Riteniamo, infatti,  che l’azione della BCE sulla liquidità del sistema ed in particolare per agevolare il credito alle piccole e medie imprese possa avere un effetto importante che si manifesterà soprattutto nella seconda metà dell’anno. In un’ottica di ritorna alla crescita ci attendiamo che i paesi periferici, e tra questi anche l’Italia, continueranno ad offrire buone opportunità e abbiano il potenziale per sovrapperformare i paesi definiti Core come Francia e Germania", conclude.

Paolo Boretto, responsabile investimenti di Symphonia SGR: "il risultato delle elezioni europee ha sorpreso le aspettative della vigilia: sembra quasi un paradosso, ma uno dei Paesi dove c’erano maggiori preoccupazioni, l’Italia, ha registrato un’importante affermazione del partito di governo e una flessione significativa del Movimento 5 stelle, mentre alcuni Paesi virtuosi, Francia e Olanda, hanno registrato un vistoso calo dei favori per i partiti al governo e l’ascesa degli euro-scettici. In Italia, l’esito del voto è sicuramente favorevole per il processo di riforme in quanto Renzi ne esce notevolmente rafforzato, sia nei confronti degli altri partiti, sia nei confronti degli oppositori interni al suo stesso partito. A livello europeo la crescita dei partiti euro-scettici è un segnale di allerta per una classe politica che a questo punto deve essere più aggressiva per far ripartire la crescita economica e può dare alla BCE ulteriori  elementi utili ad implementare politiche monetarie espansive per perseguire tale obiettivo", conclude.

Società

Altre notizie correlate


Prossimi eventi