Banca Generali innova. E questa volta lo fa nei comparti per i fondi in delega


Innovazione e partnership. Dopo aver archiviato una raccolta gestita pari a 3 miliardi di euro da gennaio a oggi, Banca Generali si concentra sulla selezione di partner d’investimento per portare delle novità nei propri fondi. Così, secondo quanto è emerso dalla recente convention tra la rete e i vertici della banca, gli asset manager chiamati a gestire specifici comparti per la banca del Leone sono passati da 25 a 28. In termini di gestione, i tre nuovi inserimenti nella gamma di fondi Bg Sicav sono delle novità per il mercato italiano. Il primo ingresso è fornito da Tenax Capital con un fondo azionario che si caratterizza per la bassa volatilità grazie a una strategia dinamica e senza vincoli orientata alle società finanziarie capaci di generare interessanti dividendi e che si prospettano come protagoniste nell’importante scenario di unione bancaria europea (BG Sicav - Tenax Global Financial Equity Long Short).

Poi il gestore svizzero Controlfida specializzato nell’abbinare la selezione su società europee aperte alle sfide globali tenendo cercando di mantenere sotto controllo profilo del rischio e volatilità. La strategia del gestore con esperienza decennale comprende proprio l’utilizzo di opzioni per coprire eventuali pressioni negative consentendo al fondo di cogliere le opportunità dai mercati (BG Sicav -  Controlfida Low Volatility European Equities). Spazio anche all’esperienza internazionale di Generali Investments Europe che porta le proprie competenze sulle società europee nella gestione di un comparto (BG Sicav - Generali Investments Europe Equity Recovery Fund) ‘high convinction’ (35-50 titoli, con preferenza verso società di media capitalizzazione) focalizzato sul potenziale di ripresa dei paesi dell’area Euro (ma anche su temi di ripresa su scala internazionale).

Infine, nella famiglia dei fondi di fondi Bg Selection entra un nuovo comparto di Pictet Funds (Pictet Dynamic Advisory) già presente nel ventaglio dei player della società triestina, con un fondo flessibile a gestione dinamica (Pictet Dynamic Advisory) che si basa sull’expertise della casa di Ginevra nei multi-asset con in più il vantaggio della gestione affidata all’esperienza del team italiano di investment advisory.

Società

Altre notizie correlate


Anterior 1
Anterior 1

Prossimi eventi