Tags: Business | Consulenza |

Banca del Fucino, arriva la prima filiale per i clienti private


Banca del Fucino, la più antica banca privata romana fondata nel 1923, indipendente e presieduta dalla quarta generazione dei principi Torlonia, apre nel cuore del quartiere romano Parioli-Pinciano, in Via Po 23, la sua prima filiale interamente dedicata ai clienti private. L’operatività della filiale rafforzerà l’attività della divisione Private, con l’obiettivo di offrire ai clienti con elevate disponibilità tutti i servizi di governance familiare e degli investimenti e una consulenza avanzata anche in ambito fiscale, legale, immobiliare ed artistico.

La divisione Private di Banca del Fucino, la cui responsabilità è stata affidata a Salvatore Pignataro, in precedenza a capo di Ubi Banca Private Investment, offre oggi i prodotti selezionati di circa 30 tra le più prestigiose case di investimento di tutto il mondo, attraverso un sistema di architettura aperta che garantisce un’ampia e qualificata scelta di soluzioni. Banca del Fucino, con una rete di 30 filiali, rappresenta storicamente a Roma, e più in generale nel Centro Italia, un punto di riferimento nella gestione dei patrimoni di clienti di elevato standing.

“Con l’apertura di Via Po nello storico distretto romano delle banche private” – sottolinea Giuseppe Di Paola, direttore generale dell'istituto di credito – “abbiamo voluto consolidare la nostra presenza su una piazza chiave per lo sviluppo della clientela private, perché riteniamo che in questo settore ci siano spazi di crescita ancora molto interessanti”. “Il nostro piano strategico triennale 2014-2017 - prosegue Di Paola - prevede un rafforzamento nel settore del private banking attraverso il reclutamento di banker di grande esperienza che saranno tutti assunti come dipendenti della banca”.

Professionisti
Società

Altre notizie correlate


Anterior 1

Paperoni italiani crescono

Secondo l’AIPB, cresce la ricchezza e cresce la soddisfazione della clientela. Le famiglie che utilizzano il private banking come istituto principale sono passate dal 30% nel 2012 al 41% nel 2014. E gli istituti puntano forte sul settore, a cominciare da

Anterior 1

I più letti

Prossimi eventi