Tags: Business |

Anthilia Bond Impresa Territorio e Popolare di Bari, bond di Asja Ambiente Italia


Anthilia Bond Impresa Territorio, fondo che investe in mini bond appositamente creato da Anthilia Capital Partners SGR per le pmi italiane, e la Banca Popolare di Bari hanno sottoscritto un’emissione obbligazionaria di Asja Ambiente Italia. Il prestito obbligazionario per un importo di 12 milioni di euro servirà a finanziare lo sviluppo di Asja nei settori eolico e biogas. Il prestito obbligazionario è stato possibile ai sensi della legge 134/2012 (“mini-bond”) emesso da Asja Ambiente Italia S.p.A., società che dal 1995 produce energia da fonti rinnovabili. Asja è un gruppo internazionale che progetta, costruisce e gestisce impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili con una posizione di leadership di mercato in Italia nel biogas e una rilevante presenza nel settore eolico. Nel 2014 il gruppo Asja ha avuto ricavi per circa 120 milioni di Euro e può contare su una potenza installata pari a 66 MW nel settore biogas e biomasse, 130 MW nell’eolico e 12 MW nel fotovoltaico; grazie a questi impianti Asja ha prodotto nello scorso esercizio oltre 550 MWh di energia pulita.

L’emissione di Asja Ambiente Italia sarà quotata nel sistema multilaterale di negoziazione gestito da Borsa Italiana, segmento professionale ExtraMot Pro. Il bond ha scadenza 10/2023, con un rendimento effettivo del 6,75% e un rimborso amortizing con tre anni di preammortamento. Asja, che quest’anno compie 20 anni di attività e successi nel settore delle rinnovabili, ha una strategia di crescita improntata sullo sviluppo ecosostenibile attraverso nuove opportunità di business nella produzione di energia verde e nella riduzione delle emissioni di CO2. Asja realizza i suoi impianti operando con la propria struttura lungo tutta la catena del valore: sviluppo del progetto, costruzione, gestione e manutenzione. L’emissione obbligazionaria ha la finalità di finanziare lo sviluppo del settore eolico, il consolidamento della leadership nel biogas attraverso soluzioni che valorizzino la FORSU (Frazione Organica Rifiuti Solidi Urbani) e l’ampliamento dell’attività all’estero, con nuove iniziative nel settore del biogas. Agostino Re Rebaudengo, fondatore e presidente di Asja ha dichiarato: “siamo molto soddisfatti della fiducia accordataci da Anthilia, società da sempre attenta al sistema produttivo italiano più innovativo e dalla Banca Popolare di Bari, un istituto che non ha mai smesso di sostenere le imprese che creano sviluppo e occupazione”.

Nell’ambito di questa emissione, la nostra struttura di Corporate & Investment Banking ha svolto i ruoli di advisor, arranger e collocatore dell’operazione”, ha spiegato il vice dg della Banca Popolare di Bari, Gianluca Jacobini. L’emissione è frutto “di un più ampio quadro di assistenza sviluppato per rispondere efficacemente alle principali esigenze strategico-industriali, gestionali e finanziarie delle imprese italiane mediante l’offerta di soluzioni di advisory e finanza specialistica a sostegno della crescita”, ha concluso Jacobini. Giovanni Landi, Senior Partner di Anthilia Capital Partners ha commentato: “la scelta di finanziare Asja, attraverso il nostro fondo “Anthilia Bond Impresa Territorio” insieme a Banca Popolare di Bari, ci rende orgogliosi perché rappresenta un esempio di azienda moderna, guidata da un ottimo management, con un eccellente posizionamento nel settore delle fonti rinnovabili in Italia, che come mercato è ormai secondo solo  alla Germania in Europa, e con interessanti prospettive di sviluppo internazionale. Grazie all’emissione Asja potrà dedicare risorse aggiuntive a rilevanti progetti di sviluppo nel settore eolico e nel settore delle bionergie”. Anthilia Capital Partners SGR e Asja Ambiente Italia S.p.A. sono state supportate nell’operazione da Banca Popolare di Bari, che ha agito come arranger, sottoscrittore e sponsor, da Orrick, Herrington & Sutcliffe in qualità di Consulente Legale.

Professionisti
Società

Altre notizie correlate


Cresce il mercato dei minibond

Nel mese di gennaio 2014, tre nuove società hanno lanciato nuove emissioni per un totale di 24 emittenti e 30 strumenti quotati. Intanto Finint Holding pare tornerà sul mercato con una nuova emissione per finanziare lo sviluppo della divisione BPO.

I più letti

Prossimi eventi