3 indicatori secondo cui un QE in Europa è più probabile di ciò che stima il mercato


Parafrasando le parole immortali di Shakespeare pronunciate da Amleto, i gestori di fixed income europea da diversi mesi si stanno chiedendo: QE o non QE? Tanguy Le Saout, responsabile portafogli obbligazionari di Pioneer Investments fornisce tre indicatori secondo cui la BCE potrebbe cominciare a comprare assets per attivare la ripresa economica nell'eurozona.

Il primo è un mix di dati economici e di instabilità politica: "I recenti dati economici continuano a deludere. Nel frattempo, la situazione politica in Russia potrebbe creare turbolenze per le economie vicine, in particolare per la Germania", dice Le Saout, suggerendo che" la BCE sarà sicuramente preoccupata per l'evolversi di questa situazione".

Il secondo punto ha a che fare con il bilancio della BCE; secondo l'esperto, l'espansione per raggiungere i tre miliardi di euro è "eccessivamente ottimista". E aggiunge che "i risultati del recente programma di acquisto di assets e TLTRO presuppongono che la BCE debba ora rivalutare il suo modus operandi. Sembra improbabile che l'obiettivo della dimensione del bilancio venga raggiunto". Pertanto, Le Saout si chiede: "È forse giunto il momento di prendere in considerazione quello che una volta era impensabile?".

Infine, il terzo punto ha a che fare con le aspettative di inflazione. Non è la prima volta che Le Saout ricorda l'importanza del discorso dovish di Mario Draghi dell' estate scorsa a Jackson Hole, dove il presidente della BCE aveva messo l'accento sulla caduta delle aspettative di inflazione a cinque anni, affermando che "non erano più ancorate". Il gestore di Pioneer Investments ribadisce che l'obiettivo di inflazione del 2% è ben lungi dall'essere raggiunto, e ritiene che "il recente calo del prezzo del petrolio potrebbe accelerare questa tendenza."

La conclusione di Le Saout è molta chiara: ci sarà acquisto di debito. "La BCE comprende l'urgenza della situazione. L'acquisto di asset è l'ultima possibilità dell'elenco delle opzioni disponibili. L'unica cosa che rimane da dedidere è la quantità, quali assets comprare e quando annunciare il programma".

Professionisti
Società

Altre notizie correlate


Anterior 1 3

La BCE lancia il QE

Acquisti di asset pubblici e privati per 60 miliardi al mese, fino alla fine di settembre del 2016. L'annuncio è arrivato dal presidente Mario Draghi, di fronte a una dinamica dell'inflazione che continua a essere più debole del previsto.

Anterior 1 3

Prossimi eventi